euro posted by

I tassi negativi della BCE non aiuteranno

Marshall Auerback 

La Banca centrale europea sembra completamente pronta ad applicare per la prima volta una politica di tassi d’interesse negativi all’area della moneta unica questa settimana , rimuginando su un pacchetto di allentamento monetario e di sostegno della liquidità , mirato ad attaccare persistentemente la bassa inflazione ,  e a proteggere la fragile ripresa in Europa , questo è quanto riferiscono fonti MNI (market news international).

Il Consiglio direttivo può anche indicare  il piano da perseguire per rilanciare il mercato  dei titoli asset-backed nell’Eurozona, con l’obiettivo di fare acquisti mirati nel corso dell’anno. Altre misure possono essere considerate , se la BCE decide che l’azione intrapresa nel mese di giugno , non riesce ad avere l’effetto desiderato, e una fonte ha suggerito che questo potrebbe essere il caso.

Non è sicuro che  mettere una tassa sul risparmio sarà di aiuto, tanto più che il meme dell’austerità fiscale continua ad essere il filo predominante nel processo decisionale. E il grosso problema con tassi negativi sulle riserve, è semplicemente che le banche non prestano le loro riserve ,(se non ad un’altra banca) per cui l’impatto dei tassi di interesse negativi impone una tassa sul sistema bancario, che riduce i margini , e probabilmente costringerà le banche a trasmettere il costo aggiuntivo della tassa  ai propri clienti, in vari modi. L’idea di aiutare il recupero e la ripresa dell’eurozona adottando questi metodi, è un semplice blaterare , considerando tra l’altro ,  che questa tassa (occulta) non potrà essere evitata prestando di più!

Come Ed Harrison di “Credit Writedowns” nota , la crescita della produzione manifatturiera nella zona euro è rallentata a un minimo di sei mesi a maggio, secondo l’indice Markit Eurozone Manufacturing Purchasing Managers’ Index (PMI). Il PMI è sceso a 52,2 a maggio, rispetto al 53,4 di aprile.  La crescita del prodotto è calata in tutti i paesi esaminati nel rilevamento, tranne che nei Paesi Bassi. In Francia il prodotto si è contratto ormai apertamente.

“Anche se questo è stato l’undicesimo mese di espansione del PMI europeo, siamo ancora pericolosamente vicini a 50, il che significa che l’Europa rimane a velocità di stallo, terribilmente vicina alla vera e propria recessione , a causa di qualsiasi shock esogeno.”

É la combinazione del fatto che le nazioni dell’eurozona utilizzano una valuta estera (l’Euro) con il problema che l’emettitore della valuta (la BCE) non permette alle nazioni  di  ricorrere a  deficit appropriati .

Questo è il vero problema  dell’Eurozona.

Mettere in campo una politica di tassi negativi non risolverà questo problema endemico. Come minimo , in una prima fase , le regole fiscali non-funzionanti , contenute nel patto di stabilità e di crescita , devono essere abbandonate e gli stati membri dovrebbero essere autorizzati a eseguire deficit opportunamente tarati , per mantenere la domanda interna ad un determinato livello ,  quando uno shock di domanda aggregata negativo colpisce l’economia europea.

Fonte: http://macrobits.pinetreecapital.com/ecbs-negative-rates-wont-help/

Traduzione a cura di Fabio Di Lenola (Alza Il Pugno)

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog