grafico posted by

Secondo Grafico del giorno: gli aiuti che non stanno aiutando la Grecia

Come già detto in un altro articolo su questo blog la Grecia si finanzia in un conto di garanzia (escrow account) dove prende a prestito, a tre e sei mesi, ad un tasso che è arrivato ad essere anche superiore al 4,5%. Pertanto, indipendentemente da quanti dei soldi prestati arrivano effettivamente ai greci (pochi come spiegato nell’articolo già segnalato) è comunque difficile che in un termine così breve ed a tassi così alti si abbia un “ritorno” reale con un incremento della base monetaria che dia respiro all’economia greca. Infatti, ecco i risultati sull’offerta di moneta M1 – come definita da Trading Economics – degli “aiuti alla Grecia” (linea blu scala di destra) confrontati con l’andamento dell’offerta di moneta (M1) di paesi “core” come Germania e Francia (linea nera scala di sinistra).

Nota da Tradings Economics per definire l’offerta di moneta M1

L’offerta di moneta è la quantità aggregata di attività valutarie presenti in un paese in un dato momento. In accordo con il Financial Times l’offerta di moneta M0 e M1, conosciuta anche come moneta in senso stretto, include le monete e le banconote in circolazione più le altre attività facilmente convertibili in contanti. (…)”.

Offerta di moneta M1 in Germania e Francia (linea nera scala di sinistra) e Grecia (linea blu scala di destra)

Grafico del giorno 1
Il risultato degli aiuti alla Grecia, dal 2010, è stato quello di far diminuire la base monetaria in Grecia rispetto, per esempio, a quella dei paesi “core” come Germania e Francia! Il risultato quindi è che gli aiuti alla Grecia stanno togliendo soldi ai greci ed all’economia greca.

Luca Pezzotta di Economia Per I Cittadini

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog