attualita' posted by

La politica economica in Germania cambia solo quando l’economia ‘tocca il fondo’

Da Voci dall’estero

Marcel Fratzscher su EUobserver afferma che la Germania soffre di hybris e non riesce a vedere i propri guai. Dovrebbe fare investimenti pubblici e privati, ma non lo farà sinché non toccherà il fondo. 
 
 

 

di Marta Orosz, 15 Ottobre 2014
  Berlino – La Germania è a rischio di hybris economica, ha detto un importante economista, osservando che il paese non deve pensare di essere invulnerabile, né che l’adesione all’UE lo renda una vittima.
 
Nel suo ultimo libro – L‘illusione della Germania – Marcel Fratzscher, presidente del prestigioso German Economic Research Institute (DIW), sostiene la necessità di un cambiamento nella politica economica di Berlino.
Il suo libro dice che la Germania si considera una specie di “superstar”, cosa che egli castiga come un’illusione, perché il paese non avrebbe un futuro economico al di fuori dell’UE.
 
L’economista 43-enne, che ha anche lavorato per la Banca Centrale Europea e la Banca Mondiale, accusa la Germania di essere “ossessionata dalle riforme strutturali”.
 
Il libro ha provocato parecchio clamore in Germania e ha spinto il ministro dell’economia Sigmar Gabriel a chiedere a Fratzscher di guidare un gruppo di esperti col compito di delineare un quadro per un’agenda di investimenti all’inizio del prossimo anno ..
 
Ma questo non segna un improvviso cambiamento di rotta nella politica economica di Gabriel. Martedì scorso (13 ottobre), Gabriel  ha messo in chiaro che egli sostiene l’obiettivo di debito zero nel 2015 del ministro delle finanze Wolfgang Schaeuble.
 
“Più debito in Germania non crea crescita in Italia, Francia, Spagna o Grecia”, ha sostenuto.
 
Ma Fratzscher ritiene che questa sia la strada sbagliata. Questo percorso sarà “fatale per l’economia tedesca”, dice, aggiungendo che “i debiti non sono un male” se consentono di fare buoni investimenti.
 
“I tedeschi risparmiano poco: possiedono meno proprietà immobiliari che negli altri Stati membri; solo una bassa percentuale della popolazione ha investito in azioni e relativamente pochi hanno l’assicurazione sulla vita. La maggior parte di loro tiene i soldi nei conti bancari a rendimento negativo. Questi non sono buoni investimenti a lungo termine”, ha detto l’economista.
 
Anche se la Germania può contare su tre grandi risultati economici, come ad esempio un bilancio stabile, delle esportazioni a livelli record e una riduzione della disoccupazione, ci sono gravi problemi nell’economia, dice. Egli osserva che i tedeschi non li notano solo perché le sfide degli altri paesi della zona euro sono ancora più grandi.
 
Problemi con la crescita economica (la Germania si colloca attualmente al 13° posto sui 18 Stati membri della zona euro), la sotto-occupazione (come volume di lavoro e calo dei salari reali), uno scarso patrimonio privato e grandi disuguaglianze di reddito – tutto questo è il risultato della mancanza di investimenti pubblici e privati, suggerisce Fratzscher.
 
La soluzione sarebbe quello che lui chiama un “grande patto” di una politica monetaria di successo legata alle riforme strutturali e ad una politica fiscale responsabile.
 L’andamento economico della Germania, in particolare il suo surplus commerciale, è stato oggetto di critiche dal di fuori del paese, anche dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Commissione Europea.
 
Jyrki Katainen, futuro vice presidente della Commissione europea e attualmente responsabile degli affari economici, ha recentemente affermato che la crescita economica tedesca non è sostenibile, a meno che il governo non aumenti gli investimenti in infrastrutture pubbliche e nell’istruzione.
 
Ma Fratzscher non vede cambiamenti all’orizzonte.
“Vorrei poter essere ottimista circa un cambiamento di politica economica, ma tutto dipende dalla crescita dei prossimi mesi”, ha detto.
 
“L’unica speranza per una svolta nella politica economica sarà se la crescita economica nel 2015 non raggiungerà il previsto 1,2 per cento. I grandi cambiamenti in Germania vengono solo quando tocchiamo veramente il fondo. “

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog