attualita' posted by

OBIEZIONE DI COSCIENZA CONTRO UNA LEGGE INFAME CHE NON TUTELA GLI STUDENTI E SCARICA LE RESPONSABILITÀ SU PRESIDI, INSEGNANTI E FAMIGLIE

Se fossi dirigente scolastico non applicherei la norma sull’alternanza scuola-lavoro obbligatoria, ripeto obbligatoria, nel caso in cui il Ministero non mi garantisse fondi extra per pagare i docenti preposti – facoltativamente – alla vigilanza costante sugli alunni minori (senza tralasciare che la scuola è tenuta a vigilare anche sui diciottenni).

E continuerei a non applicarla se lo stesso Ministero, o chi per lui, non mi assegnasse altri fondi per non far spendere un euro alle famiglie. Pagare l’obbligatorietà è iniquità, figlia della contemporanea meschinità politica.
Dopo di che i Consigli di classe, che nel loro giudizio sono sovrani, promuoverebbero o meno gli studenti in base alle regole consuete, prescindendo dall’alternanza scuola-lavoro.

A questo punto cosa potrebbe fare il Miur? Un bel niente! Provate ad immaginare se una protesta del genere si estendesse in tutta Italia: scioperi, manifestazioni, ecc. non servirebbero. Sarebbero opportuni, invece, un bel po’ di attributi.
Il Ministero, a questo punto, non potrebbe “sollevare” dall’incarico centinaia di dirigenti scolastici, né sanzionarli in alcun modo; tanto più che qualsiasi tribunale gli darebbe in testa! Mani legate, figuraccia storica!
Fatelo sapere in giro, se vi va.

Giovanni Panunzio
Coord. naz. Osservatorio Antiplagio

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog