attualita' posted by

MENTRE IN ITALIA SI DISCUTEVA DI BANCA MARCHE & Co., L’EUROPA HA PERMESSO IL SALVATAGGIO SENZA PROBLEMI DI UNA BANCA TEDESCA.

hsh

 

Mentre in Italia si trattavano le vicende di Banca popolare dell’Etruria e Cassamarche, in Germania  veniva salvata , senza nessun problema, un peso massimo del credito.

HSH Nordbank è una banca di Amburgo , con una specializzazione nel credito marittimo. La Banca in questione era pesantemente coinvolta nel settore marittimo, il che è perfettamente logico visto dove era situata: Amburgo è l’hub marittimo della Germania. La HSH si specializza nel  finanziamento delle grosse società marittime di portacontainer.

Con la crisi del 2007-2008 il traffico marittimo ha subito un  duro colpo che ha reso una parte rilevante dell’attivo della HSH inesigibile, visto il fallimento delle società marittime. Già nel 2009 il la città di Hamburg e il Lander dello Schleswig Holstein avevano fornito una garanzia per 10 miliardi di euro a titolo oneroso, a fronte di  debiti in sofferenza per oltre 15 miliardi. Gli oltre 3,2 miliardi pagati dalla banca per la garanzia pubblica non hanno sicuramente aiutato nel processo di risanamento dei conti, per cui siamo arrivati alla situazione attuale, con la necessità di un nuovo salvataggio. Ora uno di questi giorni bisognerà decidersi a distinguere fra le “istituzioni finanziarie” e le persone che le hanno dirette. Le istituzioni finanziarie sono degne di essere salvate, perchè possono essere utili al sistema economico ed al suo sviluppo, e perchè  sono anche costituite da lavoratori che nulla hanno a che fare con lo stato di dissesto, mentre le posizioni di vertice, gli “Amministratori” i “Direttori” dovrebbero pagare per questi errori.Al contrario si ha l’impressione che la BCE e le autorità europee siano interessate a penalizzare le aziende e salvaguardare i mariuoli.

Comunque l’Unione ha dato il via al nuovo piano di salvataggio, diciamo definitivo. La banca verrà scissa in una Holding ed una società operativa. La secondo garantirà la continuità aziendale e dovrà essere venduta entro il 2018, mentre la prima si assumerà i NPL (non performing loans) che saranno svalutati per 6,2 miliardi di euro, con quindi una parziale esecuzione delle garanzie date dagli enti pubblici i quali però potrebbero rifarsi in fase di privatizzazione.

La continuità aziendale sarà garantita. vediamo come, in Germania, vi sia stata molta meno pudicizia nel fornire la garanzia pubblica ad una banca privata. Se la BCE avesse potuto intervenire direttamente, con denaro fresco, sempre dopo l’estromissione e l’escussione/punizione degli organi sociali, non ci sarebbero state perdite per nessuno…

 

1

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog