attualita' posted by

L’era delle seimila sardine e delle cinque scimmiette

Se domandi a un ideologo delle sardine che cosa ne pensa del MES, ti risponderà che è giusto lasciare gli argomenti difficili ai tecnici della Commissione europea. Se chiedi a un ideologo delle sardine che cosa voterà alle elezioni in Emilia Romagna o che cosa voterebbe alle eventuali elezioni nazionali, replicherà che non è tenuto a dirtelo perché il voto è privato. Se interroghi un ideologo delle sardine su quale sia il programma del suo partito, preciserà che il suo non è un partito e, quindi, non ha un programma. Se interpelli  un ideologo delle sardine su quali sono i problemi strutturali della società attuale, griderà che sono l’odio, le fake e il linguaggio.

Se consulti un ideologo delle sardine sulle soluzioni a tutti gli altri problemi politici, economici e sociali, eccepirà che non spetta a lui occuparsene perché è roba per competenti e bisogna affidarla ai competenti. Se osservi che è come ammettere di essere incompetenti, evidenzierà che non ha le competenze per rispondere a una domanda che non gli compete. Se provi a capire, da un ideologo delle sardine, quale progetto abbia per cambiare l’Italia, puntualizzerà che non può dirtelo perché c’è il segreto professionale. Se gli ribatti che è non è una questione di professione, ma  di Stato, opporrà il segreto di Stato. Se lo rintuzzi che il segreto di Stato non c’entra niente con le agende politiche, sottolineerà che la politica si fa solo nelle sedi istituzionali.  Se allora indaghi, con un ideologo delle sardine, su quale sia il suo principale avversario, ti dirà il fascismo.

Se gli fai notare che il fascismo è finito, più o meno settantacinque anni fa, ti ribatterà che sei uno spacciatore di bufale. Se obbietti che protestare contro il fascismo nel 2020 è come protestare contro Pio IX nel 1945, ti darà del fascista: a te e anche a Pio IX. Quando vedi gli ideologi delle sardine nei salotti tivù, ti chiedi il perché di quello sguardo fisso, vitreo, robotico e il motivo di quei lunghissimi silenzi, di quelle pause imbarazzanti, di quelle espressioni pietrificate davanti a un quesito. Te li figuri collegati in esterna, via auricolare, in attesa del ritorno in cuffia dell’eco di un pensiero intelligente, ma non è così. Semplicemente, l’universo ideologico degli ideologi delle sardine è composto, per il novantanove per cento, da materia oscura, indecifrabile. E fin qui abbiamo parlato degli ideologi, cioè della creme de la creme delle sardine. Figuratevi le sardine semplici.

Per questo sono adorate dai media di massa che, a loro volta, sono adorati e controllati dai veri manovratori. Le sardine non disturbano i manovratori. Sono il popolo eletto di qualsiasi non eletta dittatura. Si occupano di sentimenti e di emozioni, aborrono i pensieri e la ragione. In sei parole: non rompono il cazzo al Sistema; ma solo a chi contesta il Sistema. Gli manca giusto la parola, ti verrebbe da dire, come davanti a certi cavalli. Ma non è così: in realtà, gli manca solo un simbolo più consono delle anonime sarde. Quello ideale sarebbero le tre famose scimmiette del “non vedo, non sento, non parlo”. Aggiornate ai tempi, però. E cioè all’era della quinta scimmietta e delle seimila sardine. Cinque scimmiette, e cinque slogan, bastano a definire l’intero perimetro della loro attualissima ideologia: non vedo, non sento, non parlo; non odio. Non penso.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus

Seguici:

RSS Feed