attualita' posted by

Le crepe evidenti nei rapporti fra Kazakistan e Russia. Una vera frattura?

Le tensioni dietro le quinte tra Kazakistan e Russia per la guerra in Ucraina si sono riversate in scambi imbarazzanti al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, dove le discussioni sono andate oltre l’economia e sono sfociate nella geopolitica, mostrando un’interessante rottura fra repubblica centrasiatica e Russia.

Vladimir Putin ha usato la piattaforma per avanzare l’ampia affermazione che l’intera ex Unione Sovietica è la “Russia storica“.

Sullo sfondo dell’invasione da parte della Russia di uno dei suoi vicini, le osservazioni del presidente russo del 17 giugno non potevano non suscitare allarme in altri Stati ex sovietici, come il Kazakistan, il cui presidente, Kassym-Jomart Tokayev, condivideva il palco con Putin.

Tokayev ha colto l’occasione per ribattere con forza alle rivendicazioni territoriali fatte al Kazakistan da alcuni commentatori russi e per ribadire il rifiuto del suo Paese di riconoscere i territori separatisti dell’Ucraina sostenuti da Mosca.

La Carta delle Nazioni Unite è la base del diritto internazionale, ha detto, anche se due dei suoi principi sono in contrasto: il diritto dei Paesi all’integrità territoriale e il diritto delle nazioni all’autodeterminazione.

È stato calcolato che se il diritto delle nazioni all’autodeterminazione fosse realizzato in realtà sull’intero globo, sulla Terra sorgerebbero più di 500 o 600 Stati, invece dei 193 che attualmente fanno parte dell’ONU. Ovviamente sarebbe il caos“, ha dichiarato Tokayev, un ex diplomatico che è stato segretario generale dell’ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra.

Per questo motivo non riconosciamo Taiwan, né il Kosovo, né l’Ossezia del Sud, né l’Abkhazia. E, con ogni probabilità, questo principio sarà applicato a entità quasi statali, quali, a nostro avviso, sono Luhansk e Donetsk“.

Il Ministro degli Esteri kazako Mukhtar Tleuberdi aveva già dichiarato a febbraio che il riconoscimento dei territori separatisti “non era all’ordine del giorno”.

Ma il chiarimento di Tokayev in pubblico al suo ospite Putin è stato un’audace riaffermazione di quella posizione, adottata mentre il Kazakistan cerca di camminare su un filo diplomatico mentre la Russia, sua alleata, conduce una guerra in Ucraina.

I suoi commenti hanno sollevato le ire della Russia, dove il deputato Konstantin Zatulin ha risposto con minacce poco velate contro l’integrità territoriale del Kazakistan.

Sanno troppo bene che tutta una serie di regioni e insediamenti con una popolazione prevalentemente russa hanno avuto un rapporto debole con quello che è stato chiamato Kazakistan“, ha detto.

Noi diciamo sempre e ovunque, anche in relazione all’Ucraina: Se c’è amicizia, cooperazione e partenariato, non si pongono questioni territoriali. Ma se questo non esiste, tutto è possibile. Come nel caso dell’Ucraina“.

Al forum economico, Tokayev aveva già espresso il suo disappunto per le “affermazioni assolutamente errate sul Kazakistan” fatte da alcuni commentatori russi.

Non ha fatto nomi, ma non mancano opinionisti russi che mettono in dubbio la nazionalità del Kazakistan, avanzano rivendicazioni territoriali nei suoi confronti o lo criticano per offese inventate, come la presunta oppressione dei russofoni.

Correlato: La Cina potrebbe non essere più un pilastro della crescita per i mercati petroliferi globali

Tokayev potrebbe aver pensato a una recente filippica dell’opinionista Tigran Keosayan, che ha accusato il Kazakistan di “ingratitudine” nei confronti della Russia dopo che il mese scorso il governo ha cancellato una parata per il Giorno della Vittoria e l’ha esortata a “guardare con attenzione a ciò che sta accadendo in Ucraina”. Keosayan è il marito di Margarita Simonyan, capo dell’emittente e macchina di propaganda RT gestita dal Cremlino.

Keosayan ha moderato l’imbarazzante discussione sul palco di San Pietroburgo tra Tokayev e Putin, che a un certo punto (e non per la prima volta) ha confuso il nome di Tokayev nel tentativo di pronunciarlo.

Keosayan ha suggerito che il Kazakistan fosse ingrato nei confronti della Russia dopo che questa aveva inviato truppe come parte di un contingente dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) nell’ambito degli sforzi per sedare i violenti disordini civili di gennaio. Tokayev, in un’intervista ai media, ha respinto l’idea che il suo Paese fosse per questo motivo riconoscente nei confronti della Russia.

In Russia alcuni distorcono l’intera situazione, affermando che la Russia avrebbe ‘salvato’ il Kazakistan e che ora il Kazakistan dovrebbe eternamente ‘servire e inchinarsi ai piedi’ della Russia”, ha dichiarato a Rossiya 24. “Credo che queste siano affermazioni totalmente false. “Credo che queste siano argomentazioni totalmente ingiustificate e lontane dalla realtà”.

Parlando al forum economico, Tokayev ha espresso la sua gratitudine a Putin, “che oggi ha esposto in modo esauriente la posizione dell’alta dirigenza, il Cremlino” nei confronti del Kazakistan.

“In effetti, non abbiamo questioni che possano essere manipolate in un modo o nell’altro, seminando discordia tra le nostre nazioni e causando così danni al nostro popolo e alla stessa Federazione Russa”, ha affermato, ma questi discorsi non sono serviti a nascondere le linee di frattura che sono emerse nell’alleanza russo-kazaka da quando la Russia ha iniziato la guerra in Ucraina.

Un’affermazione del desiderio di ritornare ai confini sovietici non può che rendere nervosi paesi, come Kazakistan e Azerbaigian, che hanno intrapreso strade parzialmente diverse dopo la fine del blocco sovietico. Un conto è l’amicizia con Mosca, un conto è rientrare fisicamente nella Federazione. Questo provoca tensioni e discussioni di cui tutte le parti farebbero volentieri a meno…


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal