attualita' posted by

La Merkel fa un passo di lato e apre così una nuova fase nello scenario politico tedesco e forse europeo. (di Viola Ferrante)

L’Assia, la regione sede della Bundesbank, della Banca Centrale Europea (BCE) e della Borsa di Francoforte, ha votato e di nuovo si ripete il dramma del voto in Baviera. La CDU arriva al 27% (- 11,3%) e la SPD al 20% (- 10,9%), mentre i Verdi ottengono il 19,8 (+ 8,5%), i Liberali 7,7% (+ 2,7%), i Linke 6,4% (+ 1,2%) e l’AFD raggiunge il 13,2 (+9,1%) facendo così il suo primo ingresso nel parlamento regionale.

Nonostante il parere favorevole dei cittadini sul lavoro svolto da Bouffier (CDU), governatore dell’Assia, che non si è tradotto in un consenso elettorale, tutti i commentatori, analisti ma soprattutto i politici locali e nazionali dei due partiti di coalizione CDU e SPD hanno sottolineato che questo esito negativo come già in Baviera è da attribuire al governo federale della Merkel, bocciato in modo inequivocabile in due Länder importanti della BRD.

La prima conseguenza di questa situazione è l’annuncio della Cancelliera Angela Merkel di rinunciare alla guida della CDU dopo 18 anni e di non porre più la sua candidatura alla Cancelleria alle prossime elezioni del 2021. La fine di questa legislatura significherà anche la fine della sua carriera politica. Non accetterà nessun altro tipo di carica pubblica.

Questo è quanto la Merkel ha appena dichiarato nella conferenza stampa alla TV di Stato ARD, in cui ha sottolineato che per garantire stabilità governativa al suo paese continuerà nella grande sfida di guidare la Coalizione fino alla sua conclusione naturale nel 2021.

Resta da vedere se la Grosse Koalition durerà fino alla fine della legislatura, viste le dichiarazioni della Nahles, leader della SPD, che ieri a caldo ha annunciato che solo se si realizza il cronoprogramma concordato nel programma di governo con un cambiamento del clima di lavoro tra i partner dell’esecutivo, i socialdemocratici resteranno nella Grande Coalizione.

Viola Ferrante


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi