analisi e studi posted by

IL VENERDì DEI MERCATI: il giorno dopo

Le dichiarazioni inerenti al DEF hanno scatenato su Piazza Affari un forte ribasso, chiudendo a -3,72%.

A perder maggiormente (c’era da aspettarselo) sono state le “big” del comparto bancario: in testa BPM col -9,43%, a seguire Intesa -8,44%, BPER -8,34%, UBI -7,84% e Banca Generali -7,17%.  Bene Saipem (+0,68%) ed il comparto STAR con Gefran (+3,21%). Male Astaldi, che lascia sul terreno un brutto -29,82% per via della presentazione della domanda di concordato preventivo, schiacciata dal peso di EUR 4,5 mld di debiti.

Effettuando un’analisi dell’indice negli ultimi 5 anni e mezzo (I/2013 – 28/IX/2018), si possono notare cali consistenti dell’indice con la (solita) mancanza di manifestazioni e/o locuste nei campi:

Senza dimenticare che Renzi, in un suo libro, voleva proporre un rapporto deficit/PIL de 2,9% per 5 anni ed anche qui non si videro manifestazioni e lutti nelle piazze del Bel Paese. Ma cos’è questo rapporto? È la quota di spesa statale NON coperta dalle entrate fiscali. Ovviamente, non potendo più coprire il disavanzo con l’emissione di titoli coperti dalla Banca di Italia (cosa che avviene allegramente in Giappone, in USA, in Polonia…), i soldi destinati a ripagare queste uscite sono destinati a reperirsi nel mercato, con conseguente aumento dei tassi sui titoli di Stato. Tutto questo aumenta il debito pubblico, ma non è insostenibile come in molti dicono, buttando la colpa sullo spread.

A proposito, cos’è lo spread? Ce lo dice Topolino:

 

Ma intacca i mutui a tasso variabile? No, in quanto i mutui a tasso variabile sono legati all’EURIBOR, il tasso al quale le banche dell’Eurosistema si scambiano tra di loro il danaro. Ovviamente, varia la temporalità del tasso di riferimento: può essere mensile, trimestrale, semestrale, annuale… dipende dalla tipologia del contratto di mutuo stipulato con l’istituto di credito. Di seguito, la media dei tassi storici Euribor 2018:

I BTP10Y rendono il 3,12%, con spread sul Bund (0,48%) a 2,6530% (o 265,30 pt) ed i vari tassi EURIBOR, qui sopra riportati, sono in costante discesa dal 2015. Così come afferma Roberto Anedda (direttore marketing di MutuiOnline.it) “l’aumento dello spread, unico indicatore economico che al momento risente della situazione politica, non è una variabile direttamente collegata con i tassi dei mutui (…) non incide sui tassi”.

Infine: stando all’art. 126 par. 2 e 3 TFUE ed al Protocollo n°12 sulla Procedura per Disavanzi Eccessivi, il rapporto fra disavanzo e PIL dev’essere AL DI SOTTO del 3%. La matematica non è una disciplina democratica e politicamente corretta, pertanto 2,4% < 3%. Tradotto: 2,4% è minore del 3%, pertanto a norma di legge. O meglio, di trattati internazionali.

Fonti:
AMECO, ECB, Tradingeconomics, Investing.com, Borsaitaliana, Mutuionline, Euribor.it, TFUE, Protocollo n° al TFUE

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog