attualita' posted by

IL MASSACRO DI SREBRENICA: GIUSTA LA CONDANNA DI MLADIC, ORA RICORDIAMO LE RESPONSABILITA’ DEI VIGLIACCHI. UNA LEZIONE PER LA DIFESA EUROPEA (VI FIDATE DEI SOLDATI OLANDESI)?

 

 

Cari amici

Ratko Mladic, ex comandante delle truppe serbe in Bosnia, è stato condannato all’ergastolo per il massacro di Srebrenica del 1995. Il tribunale per i crimini di guerra nell’ex Jugoslavia scrive la propria sentenza finale, condannando  giustamente chi materialmente uccise 8000 musulmani ed autorizzò innumerevoli violenze su donne e bambini.

Mladic si merita questa condanna, neppure lontanamente sufficiente a fargli pagare per i propri delitti, ma non fu l’unico responsabile. Ricordiamo che queste decine di migliaia di persone si concentrarono a Srebrenica perchè su questa città e sull’area circostante esisteva una GARANZIA ONU e NATO come “Safe Area” area sicura, con tanto di  delibera del Consiglio di Sicurezza del 16 Aprile 1993. Per garantire quest’area fu creata una task force con soldati olandesi , francesi e britannici, 12500 uomini dotati anche di armi pesanti. L’Italia, come paese confinante con l Ex Yugoslavia, non vi partecipava se non come supporto logistico, ma dato che la geografia non è un’opinione, in caso di necessità si sarebbe potuto chiederne l’intervento.

I mentre i bosniaci di Srebrenica consegnarono subito le armi, affidandosi disarmati alla protezione internazionale, i serbi rifiutarono e si disposero in armi attorno alla città, quindi iniziarono ad attaccare le posizione bosniache rimanenti. Già questo avrebbe dovuto far venire qualche sospetto ai comandi NATO, che s limitarono ad attacchi aerei senza rinforzare la componente militare.

La città venne prima strangolata con la fame, per mesi, senza che la NATO facesse nulla. Il 4 Giugno il comandante francese Janvier incontrò Mladic per ottenere la liberazione di alcuni ostaggi, anche francesi, e la ottenne in cambio della cessazione degli attacchi aerei.

Come potete notare la tragedia non avvenne in un giorno, ma durò mesi, durante i quali l’UNPROFOR e la NATO avrebbero potuto facilmente rifornire la città con aviolanci e rinfornarne le difese con truppe paracadutate, o organizzare colonne dall’Ungheria o dalla Croazia. NATO ed ONU non fecero nulla, come nulla fecero le tre nazioni responsabili di UNPROFOR, quando a 500 km vi era una nazione amica ed in grado di intervenire in poco tempo. Chi parla di impossibilità militare si potrebbe ricordare Khe San gli americani tennero una base per mesi, sconfiggendo i Nord Vietnamiti in una situazione ben peggiore di quella di Srebrenica, ma per combattere una guerra ci vuole la volontà e nessuno, alla fine, voleva combattere per i bosniaci.

Dopo la minaccia di bombardare il campo Franco Olandese l’11 luglio le forze NATo si arresero. ecco Mladic che brinda con il comandante olandese Karremans.

Ed inizio il massacro: gli uomini separati dalle donne ed uccisi, le donne violentate in massa.

Karremans fu promosso al suo ritorno in Olanda, Nel 2005 fu anche concessa una medaglia ai soldati olandesi.

Nel 2015 si venne a sapere (notizia qui) che Regno Unito, Francia e USA ritenevano da mesi prima del massacro che le Safe Area potessero essere concesse ai serbi, tanto che il consigliere militare di Jacques Chirac aveva contattato Mladic facendone sottintendere la possibile cessione. Nonostante  tutto si era proseguito nella finzione della protezione ONU e nessuno aveva predisposto piani adeguati di evacuazione.

Quindi di fianco a Mladic dovrebbero esservi:

  • I generali Janvier e De La Presle (consigliere militare di Chirac), che impedirono la protezione militare delle enclave, non organizzarono il trasferimento dei profughi e diedero ai serbi la sensazione di impunità;
  • Clinton , Chirac e Juppé, che causarono indirettamente questo grande pasticcio, lasciando mano libera ai serbi senza valutare come proteggere i bosniaci;
  • il governo olandese dell’epoca, che lascio abbandonati a se stessi i propri soldati e non pensò a chiedere assistenza a nazioni amiche e confinanti;
  • Tutti i comandi NATO che, con mezzi sovrabbondanti, non furono in grado di organizzare evacuazioni che avrebbero avuto mesi di tempo per essere eseguite;
  • i comandanti sul campo, che dimostrarono uno sprezzo assoluto per le vite di chi dovevano proteggere.

Se pensate che questo non abbia conseguenze attuali ricordo che il mito dell’estremismo islamico si basa anche sul fatto che l’Europa tollerò questi massacri senza fare nulla. Se i campi di addestramento dell’ISIS sono in Bosnia non è un caso. 

Ora si parla di “Cooperazione militare” e di “Esercito europeo” anche tramite al PESCO , l’iniziativa permanente di cooperazione militare firmata anche dal governo italiano. Dopo l’esperienza di Srebrenica, quanto vi sentireste protetti da un comando francese od olandese ? Non avreste il dubbio che qualcuno possa comportarsi come all’epoca si comportò Janvier, vendendo la vostra sicurezza in cambio di quella dei suoi soldati o connazionali ?

Pensateci…

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog