attualita' posted by

Così il super QE di Draghi invece di aiutare le pmi italiane sussidia le multinazionali americane. (di Marcello Bussi)

La vera sorpresa è arrivata dalle modalità del piano di acquisti dei corporate bond, che partirà a giugno e coinvolgerà, ha sottolineato ieri il presidente della Bce, Mario Draghi, anche le obbligazioni emesse da compagnie assicurative. Sarà acquistabile un’amplissima fascia di bond e la Bce potrà comprare fino al 70% di ogni singola emissione.

Ovviamente le obbligazioni dovranno essere denominate in euro e basterà che siano giudicate investment grade da una sola delle grandi agenzie di rating (mentre le altre potrebbero anche considerarle titoli spazzatura). La Bce potrà per esempio acquistare il bond Telecom Italia  2033 cedola 7,75%, emissione da 1 miliardo di euro. Il titolo è infatti provvisto di un rating (BBB-) assegnato da Fitch, dunque a livello di investment grade, nonostante Standard & Poor’s e Moody’s abbiano assegnato al titolo un merito di credito da junk bond, rispettivamente Ba1 e BB+. La cosa più sorprendente è che l’emittente dovrà essere una società con sede nell’Eurozona ma potranno essere acquistati bond anche di società incorporate nell’area euro ma con capogruppo al di fuori dei confini del Vecchio Continente.

Quasi il 30% del mercato dei corporate bond della zona euro con rating investment grade riguarda emittenti statunitensi. L’anno scorso tra le principali dieci emissioni in euro ben quattro sono state di società Usa (la più consistente un bond da 8,5 miliardi targato Coca-Cola, poi uno GE da 3,15 miliardi e un’emissione da 3 miliardi targata Berkshire di Warren Buffett). «Questo significa che in teoria ci sarà un Qe anche per gli Usa», ha osservato Carsten Brzeski, capo economista di Ing. Secondo Marc Ostwald, strategist di Adm Investor Services, la mossa dovrebbe incoraggiare le società estere ad aumentare le loro emissioni, ma «sa anche di disperazione; è come chiedere in ginocchio di vendere più debiti in euro affinché la Bce li possa comprare».

Per ora non si capisce a quanto ammonteranno gli acquisti di corporate bond; Citigroup ha stimato che saranno fra 3 e 5 miliardi al mese, Société Générale  tra 5 e 10 miliardi. Qualcuno ha ricordato che quando la Banca d’Inghilterra lanciò nel 2009 un analogo Qe, precisò che le società estere dovevano avere «un autentico business» nel Regno Unito. Questa clausola è assente nel Qe della Bce. Quindi in teoria è sufficiente che una società di qualsiasi parte del mondo, dall’India alla Svizzera, dall’Arabia Saudita a Israele, abbia un indirizzo in qualsiasi parte della zona euro, magari ad Amsterdam, in Lussemburgo o a Malta, affinché i suoi bond emessi in euro possano essere comprati dalla Bce. Gli acquisti, che avverranno sia sul mercato primario che su quello secondario, verranno decisi e attuati dalle sei banche centrali nazionali dell’Eurosistema, ovvero Bundesbank, Bankitalia, Banca di Francia e gli istituti centrali di Belgio, Spagna e Finlandia. Il tutto sotto il coordinamento della Bce. Si possono già immaginare le polemiche: la piccola impresa di rubinetteria del Lago d’Orta è costretta a chiudere perché la banca italiana non la finanzia più, mentre la Bce compra i bond emessi da una start-up thailandese (hi-tech, per carità) dotata di casella postale a Malta.

Marcello Bussi, MF, 22.4.16

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog