Seguici su

Attualità

Cosa frena il boom dell’eolico in Europa?

Pubblicato

il

 

Perché l’energia eolica non va a gonfie vele, come ci si dovrebbe aspettare? In Europa, la crisi energetica sta portando la crescita dell’energia solare a battere un record dopo l’altro. Negli Stati Uniti, l’Inflation Reduction Act ha fornito importanti incentivi al settore delle energie rinnovabili. Nelle ultime due settimane, i più importanti esperti mondiali di energia e ambiente hanno ribadito l’estrema urgenza della decarbonizzazione alla COP27. Eppure l’energia eolica non ha ancora goduto di questa fortuna. Infatti, in tutta Europa, i principali produttori di turbine eoliche stanno registrando ingenti perdite e licenziando molti dipendenti. Proprio questo mese, la danese Vestas Wind Systems, il più grande produttore di turbine eoliche al mondo, ha registrato una perdita nel terzo trimestre di 147 milioni di euro (circa 151 milioni di dollari). General Electric, un altro importante produttore di turbine eoliche negli Stati Uniti e in Europa, ha riferito che la sua unità per le energie rinnovabili probabilmente registrerà una perdita di 2 miliardi di dollari alla fine dell’anno. La società spagnola Siemens Gamesa Renewable Energy, con sede a Madrid, leader nella produzione di turbine eoliche offshore, ha registrato una perdita annuale di 940 milioni di euro (965 milioni di dollari) e ha annunciato tagli alla spesa che comporteranno la perdita di 2.900 posti di lavoro – circa l’11% della forza lavoro dell’azienda.

Secondo l’amministratore delegato di Siemens Energy, il problema è rappresentato dalle catene di approvvigionamento. “Non dimenticate mai che le energie rinnovabili come l’eolico hanno bisogno di una quantità di materiale 10 volte superiore a quella necessaria per le tecnologie convenzionali”, ha dichiarato Christian Bruch in un’intervista a “Squawk Box Europe” della CNBC. “Quindi, se ci sono problemi nella catena di approvvigionamento, l’eolico viene colpito in modo estremamente duro, e questo è ciò che vediamo”.

I problemi della catena di approvvigionamento causati dalla pandemia di Covid-19 continuano a gettare un’ombra sul settore dell’energia eolica. I rallentamenti nel processo di produzione hanno lasciato i produttori di turbine eoliche vincolati a contratti basati su prezzi precedenti alla pandemia che ora sono ben al di sotto della tariffa corrente, mentre il costo delle parti e della manodopera è salito alle stelle, il che significa che attualmente stanno vendendo i loro prodotti con una perdita significativa. Data la portata di questi progetti, le perdite finanziarie derivanti da un singolo contratto possono essere enormi.

Le catene di approvvigionamento non sono però l’unico problema che affligge il settore eolico. L’aumento della concorrenza cinese ha reso il mercato ancora più difficile per le aziende europee. La Cina ha aumentato notevolmente la propria capacità di progettazione e di produzione. Nel 2021, la Cina ha costruito più capacità eolica offshore di tutti gli altri Paesi messi insieme negli ultimi 5 anni. E mentre parliamo, la Cina è impegnata nella costruzione del più grande parco eolico del mondo, così impensabilmente enorme che potrebbe alimentare da solo tutta la Norvegia.

Nel tentativo di tenere il passo con la concorrenza e di raggiungere i grandi obiettivi di decarbonizzazione, le aziende eoliche europee si sono anche finanziariamente sovraesposte. Nella corsa alla creazione di turbine più grandi e più potenti, i produttori europei hanno investito centinaia di milioni di dollari in nuovi modelli di turbine in un momento in cui i profitti non sono sufficienti a coprire i costi. Questo, senza aiuti statali, apre la strada al dissesto economico.

In breve, l’industria eolica ha una serie di problemi da risolvere prima di poter capitalizzare gli attuali guadagni del movimento di decarbonizzazione. Ma Bruch, CEO di Siemens, afferma che l’industria è all’altezza della sfida: non ha alternative. “Se non risolviamo questo problema come industria”, ha dichiarato alla CNBC, “ci perderemo una parte sostanziale della transizione energetica e falliremo con la transizione energetica. Quindi non c’è altra scelta se non quella di risolvere il problema”.

E ci sono molte ragioni per continuare a scommettere sull’energia eolica. I governi stanno investendo molti soldi in nuove iniziative e incentivi per l’eolico, dalla legge di Biden sulla riduzione dell’inflazione alla grande scommessa della Francia sui parchi eolici offshore galleggianti. Man mano che i mercati si normalizzano e l’industria eolica supera i ritardi di approvvigionamento dell’era pandemica, non c’è motivo per cui l’energia eolica non possa rimettersi in piedi. Ma prima che ciò accada, il settore deve superare un quarto trimestre molto difficile.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito