attualita' posted by

Rischiamo di diventare OGM con i nuovi vaccini?

Ora lo dice anche la tv tedesca su dichiarazioni di scienziati autorevoli !Perche' in.Italia non lo si dice.chiaramente?

Gepostet von Anna Grechi am Montag, 10. August 2020

Come denunciato da Robert Kennedy Junior, la ricercatrice Gatti e tanti altri che hanno proceduto alle analisi dei vaccini, essi contengono varie sostanze e organismi “indesiderati”, di cui anche dna di scimmie o di feti abortiti. L’ultimo limite è stato sorpassato dalla votazione al Parlamento europeo, qualche settimana fa, della possibilità di derogare alle norme relative alle modifiche del DNA, onde potere introdurre nell’eventuale vaccino anti covid organismi geneticamente modificati.

Misura approvata da tutti i partiti tranne la Lega.

Ora questo fatto viene spiattellato su una TV tedesca.

Già oramai è risaputo che i vaccini sono pericolosi perché

  1. i produttori di vaccini sono stati esentati dal produrre sperimentazioni sulla sicurezza, come scusa per difendere gli Stati Uniti da eventuali attacchi di armi batteriologiche;
  2. i produttori di vaccini sono stati esonerati da qualsiasi responsabilità di effetti collaterali, in quanto non si sa bene per quale ragione per ogni danno vaccinale paga lo Stato, ossia noi;
  3. secondo una legge dello Stato italiano, chiunque subisca danni in seguito a contatti con persone VACCINATE, deve essere risarcito, perché – udite udite – per i gruppi con immunità ridotta il vaccinato costituisce un pericolo tale da dover fare la quarantena, quindi i termini sono in realtà completamente capovolti.

Il rischio di farci iniettare vaccini contenenti OGM rischiando di modificarci il DNA è reale.

Con il rischio di diventare noi stessi OGM e pertanto brevettabili e quindi il patrimonio di qualcuno. 

Perché le sostanze naturali, se copiate, non possono essere brevettate, mentre tutto ciò che è geneticamente modificato, cioè deviante secondo gli standard della natura, può essere brevettato, andando in proprietà a qualcuno e dopandogli i guadagni, come se quel qualcuno, sostituendosi a Dio, avesse creato qualcosa di originale, e potesse richiederne un tributo ad vitam, come fa Yahwé nell’Antico Testamento.

Avevo già denunciato in un articolo (Il Perché dei vaccini spiegato da un dirigente della Glaxo Smith) come l’esavalente fosse stato ideato per moltiplicare i guadagni delle aziende farmaceutiche inserendo in una rosa di vaccini quello contro l’epatite B, primo vaccino ad avere ottenuto un brevetto, in modo da estenderne la “protezione” (cfr $£$£$£$) agli altri vaccini. Donde il consiglio di sparare in vena ai neonati non uno, ma almeno sei vaccini in una volta, perché è più redditizio per le aziende amche costo di mettere a repentaglio la salute del piccino.

Il parossismo sui vaccini si è esasperato con la pantomima pandemia da covid, con il mantra che “ritroveremo la normalità solo con il vaccino”. Ora tanta pressione sui vaccini sarebbe già di per sé sospetta, se non fosse che conoscendo già le basi dubbie della narrativa pro vax lo diventa ancora di più. Basi che affondano le radici nel mito della scoperta vaccinale che a suo tempo sarà pur stata eccezionale, ma non tengono conto che i tempi sono cambiati e i vaccini anche.

Leggendo le notizie qua e la sui vaccini anticovid, poi, risulta chiaro come tutta l’operazione vorrebbe essere legata all’operazione di digitalizzazione dell’identità di tutti gli umani, sponsorizzata dal solito Gates (ID2020) e come in un modo o nell’altro si desidera subordinare la possibilità di circolare (patente), la possibilità di lavorare (strumento di pagamento) e la possibilità di “esistere” e viaggiare (passaporto) a questo passaporto vaccinale già preconizzato dalla Commissione europea da qualche anno.

Un’operazione nel segno della distruzione degli Stati sovrani, o di quel che rimane di loro, per passare direttamente sotto il potere delle cupole delle farmaceutiche che coincidono con quelle delle carte da credito, dei bigdata, e delle maggiori banche, in poche parole per passare direttamente sotto il loro potere, controllo e nel loro patrimonio, come cose dell’internet delle cose.

Da capi di bestiame, com’eravamo considerati, a cose geneticamente modificate di proprietà di quella cupola.
Amen.

Nforcheri 08/09/2020

Altri riferimenti

https://www.affaritaliani.it/cronache/coronavirus-gismondo-vaccino-usa-il-rischio-diventare-ogm-umani-685368.html

Vaccini: la cronaca di un disastro annunciato

Vaccinazioni “obbligatorie” e consenso “informato”: gli estremi di un abuso

Il marchio della bestia esiste ed è stato brevettato, da Microsoft

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed