attualita' posted by

Vaccinazioni “obbligatorie” e consenso “informato”: gli estremi di un abuso

Mi raccomando, firmate il consenso informato prima di sottoporvi a un vaccino “obbligatorio” (o di qualsiasi altro atto medico)! Se doveste subirne un danno, “cavoli vostri” sarà la risposta dell’Avvocatura dello Stato.

I vaccini provocano ogni anno tantissimi danni, quanti esattamente non si sa poiché vengono censurati e o non riconosciuti per la stragrande maggioranza dei casi. Tra i danni spiccano l’autismo e altre malattie autoimmuni, soprattutto tra i bambini cui hanno imposto – pena il ricatto incostituzionale del non accesso alla scuola – fino a 27 vaccini in 14 mesi in tenerissima età – come testimoniato nel video sotto  da un padre di bambino danneggiato – buttando alle ortiche, per legge, il principio di precauzione. Dove è finito? Se lo sono dimenticati i medici assieme alla scienza e alla coscienza?

In questo paese, quindi, oltre al danno da denatalità e cervelli in fuga, per via dell’austerity e dell’attacco all’economia italiana che subiamo da trent’anni a questa parte per opera di uomini corrotti e senza coscienza nelle istituzioni dello Stato e al governo, abbiamo anche dovuto subire le conseguenze nefaste degli obblighi vaccinali su migliaia (?) di bambini e anche tra i soldati, che dovrebbero essere coloro preposti alla difesa della patria(Dossier qua).

Ora visto che dovrebbe applicarsi il principio di cautela e che come minimo ci sarebbe da interrogarci sul rapporto costi/benefici, chiedetevi come mai tutti – medici, media, e altri – insistano così tanto sul vaccino antinfluenzale o, peggio, su quello che verrà ancora prima che ne sia comprovata l’efficacia, contro il virus del momento,  quando sappiamo tutti oramai che un vaccino contro un virus da RNA non è efficace,

L'immagine può contenere: il seguente testo "Gli esperti di vaccini del Ministero: «Antinfluenzale inutile per il Covid» tecnici di Speranza copertura massa evita nodo delle diagnosi falsate precisa informativi regionali dell'anagra- Uncortocircuitotrateenici politici ministero rotettiva regione attivarsi? l'antinfluenzalep dall'allora prevedibile mettere liopera- difficile pubblicatal dicastero aCircola- lavoro,mentreglianzianinon 'esclusione consicura necessità, fluenza: raccomand 2020-2021> circolare riducono personale vaccinandos nfluenza bilesolos l'onerech dovrebbe anni(tin allastagioneprece Lorenzin vaccinale rovnecinazioni(morbillo, impegno diagnosi diabete, distinguere Covid-19 vaccinali influenza ricordano emer- conl'insufficienzadeisistemi"

quando sappiamo tutti che i vaccini aumentano del 36% i danni da covid (cfr. 1), quando tutti oramai sappiamo che questi vaccini, contrariamente a quelli veterinari, NON sono puliti e sono inquinati da nanoparticelle, metalli pesanti, e persino da feti abortiti e dna di scimmie e quant’altro (cfr. 2).

Lo sappiamo tutti? Beh, non esattamente. Lo sa chi NON si informa unicamente sui mass media, oramai diventati un apparato da propaganda talmente raffinato da fare impallidire i migliori Goebbels and Co. Oppure lo sa chi ne ha fatto l’esperienza sulla propria pelle o su quella dei suoi figli, come descritto nel video sotto.

Anzi chi osa mettere in dubbio la veridicità della “verità” del minver, viene ultimamente censurato con foga e denigrato come propalatore di bufale.

Qualcuno vi ha detto nei media mainstream che a Bergamo e a Brescia c’erano state pesantissime campagne vaccinali, 34000 vaccinati contro la meningite e 141000 dosi antinfluenzali per il 2020? Qua gli estratti di uno studio di EuropeanConsumers   non esattamente un’organizzazione complottista né tanto meno no vax:

La verità è che stiamo subendo la maggiore sperimentazione medica sulla popolazione umana degna dei migliori Mengele, dove lo Stato si esonera della responsabilità con la firma del nostro consenso sedicente informato proveniente proprio dal codice di Norimberga che alla fine della seconda guerra dovette tracciare una differenza netta tra la sperimentazione lecita e la tortura, la prima distinguendosi dalla seconda proprio grazie alla firma di tale documento in cui il paziente dichiara di essere stato informato sulla natura, la durata e lo scopo della sperimentazione clinica, nonché il metodo e i mezzi con cui sarà condotta, gli eventuali effetti sulla salute e gli eventuali pericoli.

L’abuso e la generalizzazione di questo documento in ambito medico, per qualsiasi atto medico, ne ha fatto una sorta di manleva per le case farmaceutiche e le aziende ospedaliere, in modo da ridurre il numero di processi e, nel caso dei vaccini, per lavarsene le mani tranne poi risarcire, come fa lo Stato per centinaia di persone, nei casi in cui sia stato dimostrato in modo eclatante il nesso causale, nonostante tutti gli ostacoli opposti ai poveri genitori.

Ma quando firmiamo un consenso informato, siamo veramente stati informati? Solitamente no. Il paziente, in buona fede, si fida, prestando il fianco all’abuso…

In questa enorme sperimentazione di massa le multinazionali sono riuscite a scaricare sugli Stati, cioè su tutti noi, il pagamento del risarcimento da danni da vaccino, che continuano a prodursi ogni anno nell’omertà della classe medica – consapevole o inconsapevole – i cui membri negano il fenomeno quando non addirittura temono ritorsioni come radiazioni dall’albo o altre più gravi. Chi obbedisce pedissequamente riceve invece dei premi.

Tale negazione del fenomeno proviene dallo stesso Codice di Norimberga secondo cui non si deve eseguire la “sperimentazione” se a priori si è a conoscenza che possa causare danni o morte. Se neghi il fenomeno di causalità tra vaccini e danno, allora neghi che i produttori di vaccini ne possano essere a conoscenza mettendoli al riparo da eventuali accuse ben più pesanti e sistemiche che non il semplice danneggiamento casuale e occasionale.

Questo stato di cose perdura da decenni, e sta peggiorando di brutto con il parossismo da vaccino anti covid che, come sappiamo, potrebbe abbinare due piccioni con una fava: iniettare qualcosa che assomigli a un vaccino e, nel contempo, introdurre o apporre un gel con tatuaggio quantico che possa stoccare le informazioni sanitarie, che saranno poi abbinate a quelle anagrafiche e finanziarie, leggibili con gli infrarossi, ad esempio negli aeroporti (cfr. http://www.bbc.com/travel/story/20200621-will-travel-be-safer-by-2022).

E’ così che inizia la sperimentazione mondiale del vaccino-ID. Prima in aeroporti e stazioni, e poi ovunque. E poi, se non hai questo nuovo tipo di “passaporto”, non puoi viaggiare, non puoi lavorare, non puoi pagare né essere pagato. Benvenuti nel nuovo stato mondiale!

Per arrivarci, il regime vorrebbe imporci un secondo lockdown quanto prima, quindi sarà un crescendo nelle informazioni e nei toni mediatici, nella manipolazione delle statistiche.  Abbiamo già visto durante tutta l’epidemia come venivano trafficati i dati, se non altro perché presentati sempre in valori assoluti, mai in proporzione alla demografia, ai tamponati, ai malati senza sintomi, ai presunti asintomatici. Inoltre tutti sappiamo, per esperienza diretta o indiretta, di quei pazienti anziani entrati per altra patologia ma poi morti e classificati “covid” perché gli ospedali ricevono finanziamenti per i degenti e i morti da covid (da dove provengono questi soldi? e di quali somme si tratta?). Quel che è peggio è che sono morti soli peggio dei cani senza potere salutare la famiglia. Per non parlare del divieto di autopsie che perdura a tutt’oggi, per via della proroga dell’emergenza. E del divieto di funerali. Situazione da indagare per crimini contro l’umanità e di cui il governo dovrà rispondere un giorno.

Siamo in una situazione in cui lo 0.02% di persone risulta positiva ai test, già una percentuale ridicola pur essendo stata trovata con i tamponi, di cui non ci raccontano la verità, che è che sono inaffidabili come strumento diagnostico per ammissione stessa di medici e produttori di reagenti: darebbero il 70/80% di falsi positivi (Qua). Per cui più effettui tamponi, più trovi persone positive al test. Pertanto si monta la mostarda per trovare il pretesto al secondo confinamento. Per la seconda metà di settembre?

Ma di due cose l’una: o il virus è veramente pericoloso e allora chiudi veramente i porti, non lasci buchi nei centri di accoglienza, non fai disperdere i migranti nella natura (il governo è complice visto che usa i droni per i cittadini regolari e non per quelli clandestini) e richiedi i risultati dei test sierologici ai turisti (per inciso, non si fanno arrivare gli americani, ma si fanno arrivare i clandestini???), oppure non è così pericoloso ma allora dovrebbero smetterla di perseguitarci con le multe per le mascherine e il divieto di assembramento e la minaccia di un secondo confinamento!

Perché di due cose l’una: o il governo è colpevole di procurato contagio, oppure lo è di manipolazione di massa e di fake news.

Con un secondo lockdown il rischio è veramente il default, per arrivare al ricatto del vaccino id, quando ad esempio le carte bancarie diventeranno inutilizzabili (negli USA, 70 milioni di carte dichiarate inutilizzabili improvvisamente), oppure dopo una bella patrimoniale in banca o sugli immobili come brama tanto l’Europa!

Default procurato.

In tutto questo io dico: mi raccomando, firmate il consenso informato, foglia di Fico per farci credere che siamo ancora in una democrazia mentre ci vogliono mettere l’anello al naso, ma “per il nostro bene”.

Le peggiori dittature della storia sono sempre iniziate con il consenso manipolato dei cittadini e con il peggiore dei paternalismi: “per il vostro bene.”

Basti ricordare la scritta di macabra memoria “Arbeit macht frei” affissa sul cancello di Auschwitz. A proposito, come sarà potuto accadere tutto ciò? E i “cattivi” tedeschi come fecero a permetterlo? Beh, adesso dovreste capirlo: c’era la propaganda e la gente abboccava, come adesso, e persino agli ebrei raccontavano che li portavano in luoghi per lavorare dove a volte ricevevano persino una paghetta “interna”.

La prima battaglia in questo golpe globale è stata vinta grazie ai nostri medici disobbedienti, o eretici, che hanno continuato a fare il loro lavoro “in scienza e coscienza” e che invece di obbedire ciecamente ai protocolli imposti da OMS/Gates/comitati tecnici 1. si sono posti delle domande 2. hanno fatto di tutto per salvare i malati, soprattutto dopo avere effettuato le autopsie in barba ai regolamenti.

Le prossime battaglie si vinceranno se in egual modo faremo prova di disobbedienza, perché l’ubbidienza deve cessare laddove iniziano le violazioni della Costituzione, dei diritti dell’uomo e del diritto naturale e un giorno chi avrà obbedito fino all’ultimo, sarà giudicato dalla storia esattamente come lo furono coloro che obbedendo ciecamente agli ordini di un regime si resero collaborazionisti. Solo che lo furono anche coloro che obbedendo agli ordini sganciarono le bombe su Dresda e su Hiroshima, sancendo il principio criminale di “punizione di un popolo” per i reati di pochi. E il problema è che anche dopo la guerra continuarono gli effetti della propaganda nel negare precisamente la collaborazione con le forze del male dei cosiddetti “liberatori”. Questa parzialità  nel condannare i crimini della guerra è precisamente quello che ci ha portato all’orrore su cui ci stiamo spalancando oggi.

Perché oggi come allora le masse tacquero, per quieto vivere, e preferirono non farsi domande e credere alla favola che gli raccontavano, come bambini.

E adesso, se volete continuare a credere alle favole, mi raccomando, firmate il consenso “informato”. Tanto lo fate, ogni giorno, ricattati, se volete scaricare programmi sullo smart e sul pc, cliccando il vostro consenso a contratti illeggibili che nei fatti cedono, giorno dopo giorno, sempre più potere a queste multinazionali mostruose, figlie del peggior nazismo.

Firmate, e tacete, per quieto vivere, pensando di salvaguardarvi qualche momento adesso, che “del doman non v’è certezza”.

E con ciò rischiando di firmare la nostra condanna a morte. Come umanità.

Nforcheri 10/08/2020

(1) Studio pubblicato il 10 gennaio 2020  https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31607599/     https://www.disabledveterans.org/2020/03/11/flu-vaccine-increases-coronavirus-risk/

Scopo

Il vaccino antinfluenzale può aumentare il rischio di altri virus respiratori con un fenomeno noto come interferenza virale. Per calcolare l’efficacia del vaccino anti influenzale si utilizzano spesso progetti di studi negativi al test. Il fenomeno da interferenza virale contraddice  la premessa di base sull’efficacia vaccinale degli studi negativi al test che i vaccini non intaccherebbero il rischio di infettività da altre patologie respiratorie, rendendo potenzialmente parziale i risultati di efficacia vaccinale nella direzione positiva. Questo studio si prefigge di indagare l’interferenza virale paragonando lo status di virus respiratori tra il personale del Dipartimento della difesa a seconda della loro situazione di vaccinazione antinfluenzale. Inoltre sono stati esaminati  i singoli virus respiratori e la loro associazione con il vaccino antinfluenzale.

Risultati

Abbiamo paragonato lo status vaccinale di 2882 persone con virus respiratori non influenzali con 3240 persone con risultati negativi. Nel paragone tra vaccinati e non vaccinati, il rapporto di probabilità corretto di contrarre virus non influenzali era dello 0.97 (intervallo di confidenza del 95% (CI): 0,86, 1,09; p = 0,60). Inoltre, lo statuto vaccinale di 3349 casi influenzali sono stati paragonati a tre diversi gruppi di controllo: tutti i controlli (N = 6120), i controlli positivi non influenzali (N = 2880), e i controlli negativi (N = 3240).  I rapporti di probabilità nella comparazione tra i tre gruppi di controllo non sono variati tanto (range: 0.46–0.51).

Conclusioni

Ricevere la vaccinazione antinfluenzale non è stata associata con interferenza virale nella popolazione. Esaminare l’interferenza virale con virus respiratori specifici ha dimostrato risultati misti. Interferenza virale derivante dal vaccino è stata associata in modo significativo con il coronavirus e il metapneumovirus umano, tuttavia una protezione significativa con la vaccinazione era associata non solo con la maggiore parte dei virus influenzali ma anche con le coinfenzioni dei virus para-influenzali, RSV, e non influenzali.

(2) Convegno Libertà di scelta terapeutica al Senato, 27 giugno 2019

http://www.radioradicale.it/scheda/578350


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed