attualita' posted by

Powell dichiara guerra all’inflazione, per ora

 

La Federal Reserve mercoledì ha dichiarato che probabilmente aumenterà i tassi di interesse a marzo e ha riaffermato l’intenzione di porre fine ai suoi acquisti di obbligazioni quel mese in quella che il capo della banca centrale statunitense Jerome Powell ha promesso sarà una battaglia continua per domare l’inflazione. Un annuncio previsto dato che ormai molti si aspettano più di un aumento dei tassi, visto il livello di inflazione.

“Il comitato intende aumentare il tasso sui fondi federali alla riunione di marzo, presumendo che le condizioni siano appropriate per farlo”, ha detto Powell in una conferenza stampa, fissando una dichiarazione politica del Federal Open Market Committee della banca centrale secondo cui solo ha detto che i tassi sarebbero aumentati “presto”.

I successivi aumenti dei tassi di interesse e un’eventuale riduzione delle disponibilità di attività della Fed sarebbero seguiti secondo necessità, ha affermato Powell, mentre i funzionari monitorano la velocità con cui l’inflazione scende dagli attuali massimi pluridecennale all’obiettivo del 2% della banca centrale. Ricordiamo che comunque l’obiettivo è “Mobile”, una sota di media, più che una soglia precisa.

Molto rimane da decidere,  ha detto ai giornalisti dopo la fine dell’ultimo incontro politico di due giorni della Fed, compreso il ritmo dei successivi aumenti dei tassi o la rapidità con cui i funzionari lasceranno che il suo massiccio bilancio diminuisca. Perché il bilancio ella banca centrale USA resta elevatissimo. La Deutsche Bank prevede che ci siano 3 mila miliardi di titoli da cedere, mossa che drenerà tantissima liquidità al mercato.

Ma Powell è stato esplicito su un punto chiave: che con l’inflazione alta e per ora apparentemente in peggioramento, la Fed quest’anno prevede di contenere costantemente il credito e porre fine allo straordinario supporto che ha fornito all’economia statunitense durante la pandemia di coronavirus.

Dall’ultima riunione politica della Fed a dicembre, ha affermato Powell, l’inflazione “non è migliorata. Probabilmente è leggermente peggiorata … Nella misura in cui la situazione si deteriora ulteriormente, la nostra politica dovrà rifletterlo”.

“Questo sarà un anno in cui ci allontaneremo costantemente dalla politica monetaria molto accomodante che abbiamo messo in atto per affrontare gli effetti economici della pandemia”, ha aggiunto.

Quindi c’è da attendersi più aumenti dei tassi dopo marzo. Addirittura il mercato ne attenderebbe quattro.

Le azioni statunitensi, spinte all’inizio dell’anno dalle preoccupazioni sulla velocità con cui la Fed potrebbe muoversi per contenere l’inflazione, sono scivolate poiché Powell ha ripetutamente sottolineato la forza sottostante dell’economia e la persistenza dell’inflazione e si è rifiutato di escludere un inasprimento più aggressivo, se necessario.

In realtà il numero di variazioni nei tassi dipenderà dalla risposta dell’economia e dell’occupazione. Se la borsa rispondesse molto male al primo aumento, e aumentasse la disoccupazione, Powell, nonostante tutto, sarebbe costretto a rivedere le proprie posizioni e a ridurre il numero di aumenti dei tassi, anche per motivi politici. Comunque siamo in un anno elettorale.

I rendimenti dei titoli del Tesoro a più lunga scadenza, sensibili alla politica di bilancio della Fed, sono aumentati quando Powell ha segnalato che presto sarebbe stata presa una decisione su quando iniziare a ridurre il portafoglio di oltre 8 trilioni di dollari della banca centrale di titoli di stato statunitensi e titoli garantiti da ipoteca ( MBS). Il dollaro è balzato dello 0,5% al ​​livello più alto in un mese contro un paniere di valute dei principali partner commerciali.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal