attualita' posted by

PER LA PRIMA VOLTA IL REGNO UNITO VENDE TITOLI A TASSO NEGATIVO. Per il mainstream il problema è il debito e non la moneta. Che fessi….

La crisi economica che avanza sta producendo degli effetti sinora inediti sui titoli di stato. Ad esempio l’emissione degli ultimi titoli a tre anni emessi dal Cancelliere dello Scacchiere (il ministro del tesoro del Regno Unito anche se ci sarebbe una lunga spiegazione da fare sulla differenza fra Primo e Secondo Lord del Tesoro..) hanno avuto un rendimento del  MENO  0,03%. Per la prima volta nel regno Unito un titolo di Stato ha presentato un rendimento negativo.

Nel 2009 questi titoli rendevano oltre il 2 %. Ora siamo al rendimento negativo. Questo nonostante un budget statale incredibilmente generoso nel quale sono previsti 25 mila sterline per ogni azienda, a fondo perduto, ed il pagamento diretto dallo stato dei dipendenti messi in aspettativa non retribuita, il tutto  per un impulso pari al 4,5% subito, a cui si sommeranno della azioni future. Tutto questo è stato accompagnato da un intervento per 700 miliardi di sterline da parte della BoE.

L’intervento della Banca Centrale, accompagnato anche con un ribasso del tasso di riferimento allo 0,1%, ha fatto si che i tassi andassero in area rossa per la prima volta nella storia del Regno Unito. Molto importanti anche le aspettative inflazionistiche, con l’indice dei prezzi al consumo al di sotto dell’1% e forti aspettative deflazionistiche dovute soprattutto a forti cali attesi nell’energia:

Il debito quindi è un problema ? NO SE SI HA LA POTESTÀ MONETARIA E VI E’ COLLABORAZIONE FRA TESORO E BANCA CENTRALE. Il regno Unito, con la loro moneta, riescono a fornire importanti ed  immediati aiuti economici alle proprie aziende e GLI INTERESSI SONO NEGATIVI ANCHE DAL PUNTO DI VISTA NOMINALE. Noi abbiamo il super -euro e sembriamo in grado di fare nulla.   Capite ora ka differenza?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed