attualita' posted by

Nucleare nel Regno Unito: bello… ma rischia di pesare troppo sulle bollette! Perchè non lo paga la fiscalità generale?

Il segretario all’economia del governo inglese avverte: attenzione che il caro prezzo del passaggio all’energia nucleare sarà pagato dalle bollette già care dei cittadini britannici.  Kwasi Kwarteng ha affermato che il piano per la costruzione di nuove centrali elettriche come parte di una nuova strategia energetica potrebbe avere un “piccolo effetto” sulle bollette. Il problema è la definizione del “Piccolo”. Nel frattempo ha confermato alla BBC che “il nucleare è tornato sul tavolo” perché il governo lo considera una fonte di energia sostenibile, aggiungendo che alla fine fornirebbe energia più economica.

Il discorso che viene evidenziato da queste parole viene a porre in evidenza un fattore vero: se la scelta di una fonte energetica rispetto a un’altra è basata su fattori di strategia internazionale o da scelte “per il bene della comunità”, perché a pagarne il costo dovrebbero essere gli utilizzatori dell’elettricità e non la fiscalità generale?. 

La strategia energetica è stata pubblicata ad aprile mentre i paesi occidentali lottavano con i prezzi elevati dell’energia, la dipendenza dal petrolio e dal gas russi e gli appelli più ampi per porre fine all’era dei combustibili fossili per affrontare il cambiamento climatico. Una flotta di nuove centrali nucleari è al centro della strategia, con il Primo Ministro che suggerisce la costruzione di un nuovo reattore ogni anno, in un video sui social media per promuovere il piano.

Come parte dell’obiettivo di rendere il 95% dell’elettricità a basse emissioni di carbonio entro il 2030, la strategia ha l’obiettivo di produrre fino a 50 GW di energia eolica offshore entro il 2030, che secondo i funzionari sarebbe più che sufficiente per alimentare ogni casa nel Regno Unito.

La strategia prevede anche l’obiettivo di raddoppiare l’obiettivo di 10 GW di produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio entro il 2030, con almeno la metà da idrogeno “verde”, prodotto da elettricità rinnovabile anziché da gas naturale.

Kwarteng ha affermato che l’investimento di 375 milioni di sterline “sbloccherà l’enorme potenziale” dell’idrogeno e dell’energia nucleare. Boris Johnson ha cercato di difendere la nuova strategia energetica di fronte alle critiche secondo cui non fa nulla per aiutare le persone con bollette alle stelle ora.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal