attualita' posted by

Lo sapevate che ad oggi l’industria Fotovoltaica ha consumato piu’ energia di quanta i pannelli ne abbiano prodotta?

L’industria fotovoltaica mondiale ha raggiunto l’obiettivo di produrre piu’ energia di quanta ne viene consumata per fabbricare e installare i pannelli fotovoltaici. A dirlo e’ una ricerca della Stanford University pubblicata sulla rivista Environmental Science & Technology.

Se cinque anni fa l’energia necessaria per costruire e mettere in funzione i pannelli era superiore al 75% rispetto a quella prodotta sfruttando il sole, secondo i ricercatori ora esiste una buona probabilita’ – superiore al 50% – che il fotovoltaico sia passato, nel 2012, a produrre piu’ di quel che consuma.

Stando alla ricerca, se si proseguisse con un tasso di installazione elevato, l’industria fotovoltaica potrebbe ripagare il suo ”debito”, cioe’ il maggior quantitativo di energia consumata rispetto a quella prodotta negli anni scorsi e le conseguenti emissioni di Co2, tra il 2015 e il 2020.

FV

 

Quando sento i dibattiti sull’energia in Italia resto “di sasso”: le persone parlano e sostanzialmente lo fanno in modo ideologico, ripetendo meccanicamente le 4 tesi che passano sui media. Il punto e’ che la competenza tecnica nel nostro paese e’ vicina allo zero nelle masse, ed i media nostrani fanno del loro meglio per tenere i lettori nell’ignoranza.

Avrei voluto parlare dei tanti miti che circolano, tipo le auto elettriche, o la generazione eolica, ma mi soffermo sul fotovoltaico… anzi, su un aspetto specifico del FV: l’inquinamento!

Cosa pensa l’Italiano Medio? 

Fotovoltaico = Energia Pulita = Futuro = Lo voglio!

Il ragionamento come vedete e’ piuttosto schematico. Peccato che le cose non stiano esattamente cosi’.

Basterebbe chiedersi:

“ma quanta energia si consuma a produrre i pannelli solari, e successivamente a trasportarli ed a fine ciclo a dismetterli?”

La risposta e’ semplice: ad oggi s’e’ consumata piu’ energia di quanta i pannelli ne hanno prodotta. E visto che la produzione e’ baricentrata in Cina, dove la produzione di energia e’ straordinamente inefficente ed inquinante, il bilancio di CO2 mondiale per l’industria FV sara’ positivo solo nel 2020 o giu’ di li’. Traduco: fino al 2020 l’industria FV avra’ causato maggiori emissioni di CO2 di quante ne abbia evitate.

Non e’ una domanda complessa, ma il 99,999% degli Italiani semplicemente non se la pone neanche.

La notizia che ho pubblicato sopra e’ circolata nel mondo anglosassone, anche sui media, segno che media ed opinioni pubbliche in altre nazioni sono un po’ piu’ razionali. Tra l’altro la notizia e’ posta in positivo.

Cosa significa tutto cio’? Non dico che il Fotovoltaico sia una bufala, ma reputo che quando si parla di Fotovoltaico lo si debba fare nel modo giusto, valutando opportunamente pro e contro. Personalmente reputo che a lungo andare, quando i pannelli avranno un’efficenza ben superiore e costi interessanti, certamente sara’ un opzione razionale (prima non lo e’ per niente). Ma quanto penso io, e’ irrilevante. E’ invece importante per me, far capire ai lettori, che “non esistono soluzioni banali” ai problemi

Parlando con un lettore (perfettamente in linea con lo schema Ponzi: Fotovoltaico = Energia Pulita = Futuro = Lo voglio!) ho provato a fargli capire che “qualsiasi fonte Inquina, e qualsiasi fonte energetica uccide” (ovviamente in misura diversa). Costui, stralunato ed un po’ sopreso, ha chiesto lumi. Dell’inquinamento abbiamo detto sopra, ma pensato un po’ ai morti. La Cina da sola produce il grosso dei pannelli al mondo. La Cina e’ un paese dove i Morti sul Lavoro (miniera, fabbrica, etc) pare si aggirino sui 130.000 all’anno, ed ovviamente, una quota e’ certamente legata all’industria FV (qualche centinaio all’anno appare verosimile). Sono ovviamente “morti” che non appaiono sui giornali, a differenza per esempio di Masao Yoshida, ex Direttore della Centrale di Fukushima, che rimase eroicamente nell’impianto a coordinare le operazioni di contenimento, e la cui morte ha riempito i Tabloid di tutto il mondo.

Il mio invito e’: “Non seguite necessariamente gli schemi che media offrono, e pensate sempre alle questioni in termini globali, ponendovi domande e cercando di capirne di piu’. Solo le persone Ignoranti hanno certezze. Piu’ entrate dentro ad una materia, e piu’ dubbi vi si annideranno. Certamente la questione energetica e’ molto appassionante, ma vale la pena di cercare di capirla al meglio”.

 

  By GPG Imperatrice

Mail: gpg.sp@email.it

Facebook di GPG Imperatrice

Clicca Mi Piace e metti l’aggiornamento automatico sulla Pagina Facebook di Scenarieconomici.it

Segui Scenarieconomici.it su Twitter

1

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog