attualita' posted by

Lettera aperta di Paolo Savona a Jonathan Hill, Commissario europeo ai servizi finanziari

paolo-savona

Milano Finanza/ 5 novembre 2015

Lettera aperta a Jonathan Hill, Commissario europeo ai servizi finanziari

Caro Commissario,

leggo sulla Reuters di Francoforte il suo annuncio che la Commissione Europea proporra’ un nuovo schema comune di assicurazione dei depositi, che mi getta nello sconforto per due ragioni. La prima per il fatto che cambiare una direttiva a cosi’ breve distanza dalla sua emanazione, su un argomento di una tale importanza e delicatezza per gli effetti che comporta sulla stabilita’ dei depositi bancari, sottrae all’Unione un’altro pezzo di quell poco di credibilita’ politica che a essa ancora rimane. La seconda perche’ i motivi per cui avete deciso di cambiare sono stati da me ripetuti all’infinito tramite l’Associazione europea dei fondi tutela depositi, di cui l’Italia aveva la presidenza e che, tanto per cambiare, si e’ fatta sfilare proprio nel momento in cui l’aria volgeva a favore delle decisioni errate prese. L’ottimo vice presidente di questa Associazione europea, un tedesco, condivideva le mie valutazioni negative sulla direttiva emanata, nonche’ le proposte per una piu’ profonda e corretta riforma del meccanismo di protezione dei depositi, ed e’ stato portatore di queste idee presso le autorita’ del suo paese, che mi consta condividessero. Nasce pertanto il problema di chi e’ stato ad approvare la direttiva e quali paesi l’hanno caldeggiata. In breve, errori come questi devono avere un padre e una madre che se ne assumano le responsabilita’ politiche. Lo ripeto, ne vale la credibilita’ dell’Unione Europea e della tanto caldeggiata banking union. In molti oggi criticano le norme stupide e i difetti dell’architettura istituzionale dell’Unione Europea, ma non si e’ mai sentito uno solo che abbia pagato un costo politico per averle volute; anzi molti tra i critici sono quelli che li hanno propiziati. Percio’, caro Commissario, mi faccia sapere, avendone diritto in qualita’ di cittadino europeo, quali saranno le iniziative che lei e Juncker intenderete prendere in proposito. Ovviamente lo stesso vale per l’Italia. Chi ha approvato la direttiva o chi ha consentito di prenderla senza per ignavia o per ignoranza? Poiche’ si sono alzate recentemente voci contrarie, si intende o meno accertare che ruolo attivo o passivo queste hanno avuto nell’emanazione della direttiva?

Da queste stesse colonne ho segnalato cio’ che si sarebbe dovuto fare invece di cio’ che e’ stato fatto, ma ancora una volta non ho letto un rigo, ne’ sentito una voce, che iniziasse a discutere il contenuto della mia breve lista; anche per evitare che la nuova direttiva prenda strade sbagliate. Capisco che lei, Signor Hill, non legge la nostra lingua (potrebbe pero’ anche essere vero il contrario e mi scuso fin d’ora), mentre gli italiani, che invece la leggono, paiono duri (diciamo) d’orecchio. Non voglio ripetermi perche’ MF-Milano Finanza ha un ottimo archivio al quale si puo’ attingere, ma su alcuni punti insisto affinche’ la nuova direttiva sia in linea con le necessita’ di proteggere I depositanti: quali depositi e perche’ devono essere protetti; chi decide l’intervento e con quali risorse, dato che l’onere puo’ risultare elevato per la stabilita’ del sistema bancario e per le possibilita’ di spendere per assicurarsi da parte dei depositanti; last but not least, poiche’ molte crisi sono originate da errori di politica economica, fiscale e monetaria, e di vigilanza – l’ultima crisi lo dimostra ampiamente – e’ giusto che il costo venga pagato dalle istituzioni responsabili; queste, con la precedente direttiva, intendevano chiamarsi vergognosamente fuori dalle loro responsabilità.

Grato per l’attenzione. Paolo Savona

(pubblicato su Milano Finanza del 5/11/2015)

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog