attualita' posted by

La Flotta USA di cisterne per il gas naturale ha il suo effetto…

Una flottiglia di cisterne per il gas naturale liquefatto (LNG) dagli Stati Uniti è finalmente arrivata in Europa, aumentando le importazioni di LNG nel vecchio continente affamato di energia ai massimi di due anni. La nuova iniezione di gas naturale sta aiutando a compensare il calo delle spedizioni russe, che, come sappiamo, si sono fortemente ridotte fra dicembre e gennaio. Questo ha fatto sì che i prezzi del gas naturale europeo siano scesi lunedì. I dati compilati da Bloomberg mostrano che le importazioni di gas GNL nell’Europa nord-occidentale sono balzate ai livelli più alti da dicembre 2019.
La fornitura proviene da una vera e propria flotta di 20 navi cisterna LNG dagli Stati Uniti, che hanno iniziato la loro navigazione a metà/fine dicembre. Nuove forniture di GNL stanno aiutando ad alleviare i problemi di approvvigionamento, ma non risolveranno la crisi energetica nel continente affamato di energia e calore questo inverno, perché le scorte sono a livelli molto bassi per questo periodo dell’anno. La notizia di nuove forniture è un sollievo temporaneo e ha portato i futures sul gas olandesi nel primo mese in calo del 6% a 82,50 euro al megawattora e scambiati a 88 euro intorno alle 0600 ET. Da metà dicembre i prezzi del gas in Europa si sono dimezzati dai circa 182 euro agli 88 euro di ieri ai 79 di oggi. Il calo è dovuto principalmente alle prospettive dell’arrivo del gas da oltre oceano
In particolare, c’è ancora un significativo divario di arbitraggio tra i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti e nell’UE al di sopra delle norme storiche… “Con il picco dell’inverno ancora in vista, vediamo un’ampia gamma di potenziali risultati dei prezzi a breve termine e prevediamo che persisterà un’elevata volatilità”, ha scritto Morgan Stanley in una nota sulle materie prime. Tuttavia, la flottiglia offre solo un sollievo temporaneo al continente affamato di carburante poiché i flussi di gas della Russia rimangono in sordina. Il gasdotto Yamal-Europa, che invia gas in Germania dalla Russia, non riceve gas da tre settimane e altri importanti gasdotti in Europa hanno registrato flussi al di sotto della media. Una soluzione alla crisi energetica europea sarebbe certificare  il controverso gasdotto Nord Stream 2 della Gazprom PJSC della Russia, ma ciò non sembra possibile fino all’estate. Quindi, nel frattempo, i prezzi del gas rimarranno elevati. Se dovesse arrivare un’altra ondata di gelo invernale, soprattutto in Germania, i prezzi del gas torneranno senza dubbio sopra i 100 euro

Ulteriori informazioni su questo testo di origine

Per avere ulteriori informazioni sulla traduzione è necessario il testo di origine
Invia commenti

Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal