Seguici su

Attualità

La Apple accelera la ritirata dalla Cina

Pubblicato

il

 

La massiccia esposizione di Apple Inc. al settore manifatturiero cinese ha causato carenze nella produzione di iPhone a causa dell’applicazione delle politiche covid zero che hanno duramente colpito la produzione presso il gigante locale Foxconn. Un nuovo rapporto mostra che la fuga dell’azienda della Mela dalla Cina sta accelerando.

Secondo il WSJ, Apple “sta dicendo ai fornitori di pianificare più attivamente l’assemblaggio dei prodotti Apple altrove in Asia, in particolare in India e in Vietnam, e sta cercando di ridurre la dipendenza dagli assemblatori taiwanesi guidati da Foxconn”.

I dati sulla catena di approvvigionamento di Apple indicano che la Cina è la sede principale del produttore di iPhone. La società di ricerche di mercato Counterpoint Research ha recentemente rilevato che l’85% della linea Pro di iPhone è prodotta nella gigantesca fabbrica di Foxconn, una città nella città, a Zhengzhou.

La grande fabbrica è stata colpita da restrizioni e disordini nelle ultime settimane e mesi, che hanno portato a un deficit di produzione di 6 milioni di iPhone Pro entro la fine dell’anno. “Secondo gli analisti e gli addetti alla catena di fornitura di Apple, Apple non si sente più a suo agio ad avere così tanto business legato in un unico luogo”, ha dichiarato il WSJ. “In passato non si prestava attenzione ai rischi di concentrazione della produzione.  Il libero scambio era la norma e le cose erano molto prevedibili. Ora siamo entrati in un nuovo mondo”, ha dichiarato Alan Yeung, ex dirigente statunitense di Foxconn.

Persone che hanno familiarità con la catena di approvvigionamento di Apple hanno affermato che non tutta la produzione sarà spostata fuori dalla Cina. Tuttavia, la produzione rimanente in Cina si avvarrà di un gruppo più ampio di assemblatori, non solo di Foxconn. Luxshare Precision Industry Co. e Wingtech Technology Co. sono le due aziende che probabilmente riceveranno le nuove commesse produttive.

Per quanto riguarda il trasferimento dalla Cina, le persone coinvolte nelle discussioni hanno detto che Apple sta dicendo ai partner di produzione di guardare ad altri Paesi, ma il cambiamento non avverrà in tempi brevi anche perché i legami logistici con Pechino sono strettissimi.  “Trovare tutti i pezzi per costruire la scala di cui Apple ha bisogno non è facile”, ha dichiarato Kate Whitehead, ex manager operativo di Apple che ora possiede una propria società di consulenza sulla supply chain.

Ming-chi Kuo, un analista di TF International Securities che segue la catena di approvvigionamento, ha affermato che l’obiettivo a lungo termine di Apple è quello di spedire dall’India il 40-45% degli iPhone. I fornitori hanno dichiarato che il Vietnam potrebbe presto diventare un attore significativo nella produzione di altri prodotti Apple come AirPods, smartwatch e laptop.

La tendenza più grande è la frammentazione della catena di approvvigionamento globale. Le aziende statunitensi si rendono conto che la politica cinese di zero Covid e le chiusure, insieme all’aumento del rischio geopolitico in tutta la regione, sono negative per gli affari e recentemente l’ultimo sondaggio della Camera di Commercio Americana di Shanghai sulle aziende statunitensi in Cina ha rilevato un quasi raddoppio degli intervistati nell’ultimo anno che stanno riducendo gli investimenti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito