attualita' posted by

Ecco Kishida, prossimo nuovo primo ministro giapponese

In quello che il NYT ha descritto come “un trionfo dei detentori  del potere d’élite sul sentimento pubblico”, mercoledì il Partito Liberal Democratico al governo ha eletto Fumio Kishida, ex ministro degli esteri ed erede di un’importante famiglia politica, come scelta per succedere a Yoshihide Suga come primo ministro del Giappone. La sua vittoria è stata alternativamente descritta come un “sconvolto”, mentre è stato anche descritto come il “candidato della continuità” visti i suoi stretti legami con la leadership del partito.

 

Kishida ha trionfato sul suo principale rivale, Taro Kono, ex ministro della difesa e degli esteri, in un ballottaggio per il leader del partito che è stato dominato dalla corrente dei conservatori nel LDP, maggioranza nella camera bassa giapponese. In un ballottaggio, i legislatori del partito hanno votato in modo schiacciante per Kishida, che ha trionfato 257 a 170, installandolo come leader del partito. Lunedì sarà ufficialmente insediato come primo ministro tramite voto parlamentare, ma grazie al controllo della Dieta da parte del suo partito, la sua vittoria è praticamente assicurata.

Per Kishida, la vittoria rappresenta un importante ritorno dopo la schiacciante sconfitta subita dal primo ministro Yoshihide Suga durante la battaglia per la leadership dell’LDP dello scorso anno. Ma la vittoria del 64enne rappresenta una sconfitta per una “nuova generazione” di politici giapponesi che sperava di prendere il controllo del partito. Sfortunatamente per loro, la vittoria di Kishida è stata assicurata dalle stesse fazioni politiche che hanno dominato in Giappone per decenni. Fra i candidati alla direzione del partito e guida del governo vi erano anche due donne.

L’avversario di Kishida, Kono, che mantiene una presenza di alto profilo sui social media ed è più noto per il suo appariscente personaggio “anticonformista”, era chiaramente la scelta più popolare, ma , come in Germania con la CDU, a decidere è l’apparto del Partito. Ma questo aspetto della sua personalità a quanto pare ha inasprito la sua posizione con gli addetti ai lavori, che a quanto pare hanno favorito un ritorno a una personalità più seria nel leader del paese, in linea con la tradizione del dopoguerra del LDP.

Questo potrebbe essere problematico per Kishida, che ora ha la responsabilità di guidare il suo partito attraverso le elezioni generali che devono tenersi entro la fine di novembre.

I sondaggi mostrano che l’LDP, che ha governato il Giappone per la maggior parte degli ultimi 66 anni, trionferà ancora una volta, in parte perché il COVID si è finalmente esaurito e lo stato di emergenza del Paese sta volgendo al termine. Il primo ministro Suga ha deciso di non cercare la rielezione alla leadership dell’LDP dopo che la sua popolarità è crollata in gran parte a causa dell’epidemia di COVID che ha travolto il Giappone quest’anno. Ha servito solo un anno in carica, il che ha provocato ansie per un ritorno ai giorni della porta girevole che hanno preceduto la vittoria di Shinzo Abe nel 2012.

Il voto sulla leadership di mercoledì è stato il più contestato degli ultimi anni. Tradizionalmente, la leadership del partito si riunisce presto attorno a un candidato. Ma questa volta non era chiaro chi avrebbe prevalso fino a quando non fossero stati contati i voti finali del ballottaggio.

In termini di politica, Kishida è visto come un “falco cinese” che ha chiesto il rafforzamento del sistema di difesa missilistico giapponese di fronte alla crescente potenza militare di Pechino, per la quale ha espresso “profondo allarme”. Questo vedrà un allineamento ancora maggiore di Tokio al fianco degli alleati della NATO ed dei paesi dell’area filo americani, come Australia e Taiwan.

Durante la campagna, Kishida ha affermato che il Giappone doveva prendere in considerazione la possibilità di sviluppare capacità di attacco missilistico contro potenziali nemici, tra cui Cina e Corea del Nord. Mentre al Giappone è costituzionalmente vietato attaccare per primo, ha il diritto di colpire le basi missilistiche nemiche se fossero state usate in un attacco iniziale, secondo WSJ.

“La tecnologia dell’altra parte avanza ogni giorno”, ha detto in un’intervista a WSJ.

Recentemente è diventato anche più populista in economia, chiedendo politiche economiche di sinistra che aiutino a fare pressione sui giapponesi più poveri dopo che la pandemia ha contribuito ad espandere la disuguaglianza della ricchezza. Secondo Nikkei, questo segnerebbe un allontanamento dall’approccio “neoliberale” che ha costituito il nucleo dell’ideologia del LDP per quasi due decenni.

“La comunità internazionale sta cambiando radicalmente con i sistemi statali autoritari che stanno guadagnando più potere. Ho un forte senso di crisi verso questo”, ha detto Kishida a Nikkei. Ha anche sottolineato la necessità della capacità di colpire le basi missilistiche nemiche per prevenire qualsiasi attacco imminente.

Ha già proposto un pacchetto di incentivi economici del valore di “decine di trilioni di yen”, una nuova svolta sulla posizione generalmente favorevole alle imprese del LDP.

“La disuguaglianza si è ulteriormente ampliata a causa del coronavirus”, ha detto Kishida a Nikkei in un’intervista all’inizio di questo mese. “Nelle aziende, gli azionisti dovrebbero prendere tutti i frutti della loro crescita? Come fautori del capitale degli stakeholder


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal