attualita' posted by

DEUTSCHE BANK REGISTRA LE PERDITE MAGGIORI DAL 2015. Cambiare costa….

 

Ieri sono stati comunicati i risultati del secondo trimestre 2019 per Deutsche Bank ed i risultati sono stati estremamente negativi: le perdite sono state pari a 3,1 miliardi di dollari. Causa principale i costi per i licenziamenti. Cause, buonuscite, costi di chiusura degli uffici e di interruzione dei contratti hanno portato perdite per 3,1 miliardi. Una cifra molto elevata, considerando che attualmente la capitalizzazione di borsa della Banca è pari a 15 miliardi circa di euro. Quindi un 20% del valore di borsa , in teoria, se ne è andato in un solo trimestre, non male vero? però i valori di borsa sono leggermente migliorati negli ultimi tempi

Dopo aver toccato un minimo a giugno,al limite del dubbio di liquidazione, il valore si è migliorato a partire dalla prima settimana di luglio, arrivando ad un valore attuale attorno  ai 7 euro per azione.  Il piano era stato annunciato da tempo, i licenziamenti erano partiti da tempo, per cui, a prima vista, sembra che il mercato abbia superato lo shock di questa prima fase di trasformazione. Si prevede che la conversione venga  a costare almeno 7,4 miliardi di euro, ma tutta l’operazione è sottoposta a due grosse condizioni:

  • che veramente i costi siano quelli previsti, e non superiori, non solo per i licenziamenti, ma anche per eventuali cessioni con perdite superiori al previsto;
  • che il calo di margine operativo relativo alle dismissioni sia quello previsto, e non superiore.

Nel primo trimestre gli utili erano stati pari a solo 231 milioni di euro, una cifra molto piccola, considerato il volume delle perdite previste nei trimestri successivi. Se anche questo piccolo utile scomparisse avremmo un progressivo erodersi del capitale e la Banca, in questo momento, non può permettersi di rivolgersi al mercato per nuovi capitali. Ci troveremmo di fronte ad una MPS al cubo.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi