conti pubblici posted by

Debito Eurozona 92%, Italia 130% (tutti i dati). In Grecia e Portogallo verosimile una nuova ristrutturazione del Debiti

DEBITO PUBBLICO AL 92,2% NELL’EURO-ZONA (+4,0% IN 1 ANNO)

L’Eurostat ha comunicato oggi che il rapporto debito/ PIL della zona euro è salito nel primo trimestre del 2013 al 92,2% dal 90,6% del trimestre precedente e dall’88,2% del primo trimestre 2012.

Nei 10 paesi europei non appartenenti all’area Euro le cose vanno meglio.

gpg1 (321) - Copy - Copy - Copy - Copy - Copy

 

A LIVELLO DI PAESI IL DEBITO ESPLODE IN TUTTI I PAESI PERIFERICI

Per quanto riguarda la sola Italia il rapporto debito/PIL ha raggiunto nel primo trimestre di quest’anno il 130,3%, contro il 127% dell’ultimo trimestre del 2012 e il 123,8% del primo trimestre del 2012.

Nella zona euro, solo la Grecia ha un rapporto debito/PIL più alto di quello dell’Italia, al 160,5%. Tra gli altri Paesi con il debito più elevato, ci sono il Portogallo, con il 127,2%, l’Irlanda, con il 125,1%, e il Belgio, con il 104,5%.

gpg1 (320) - Copy - Copy - Copy - Copy

 

L’EUROZONA DIVISA IN 3 BLOCCHI: LA GERMANIA, GLI ALTRI PAESI “CORE” ED I DANNATI

Dai grafici sottostanti si puo’ dire chiaramente che l’Eurozona e’ divisa in 3 blocchi:

a) La Germania: qui il Debito Pubblico non cresce (il PIL tiene, l’occupazione va bene)

b) Gli altri paesi “core” (Francia, Belgio, Olanda): il Debito sale (il PIL va maluccio, l’occupazione si deteriora)

c) I “dannati” (Grecia, Portogallo, Irlanda, Spagna, Italia, Cipro): il Debito esplode (il PIL tracolla, la disoccupazione dilaga)

gpg1 (322) - Copy - Copy - Copy - Copy - Copy

LA DINAMICA DEL DEBITO SUGGERISCE CHA A BREVISSIMO PERIODO UNA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E’ QUASI CERTA IL PORTOGALLO E GRECIA. SE LE COSE NON CAMBIANO NEL MEDIO PERIODO ANCHE IRLANDA, ITALIA, SPAGNA E CIPRO DOVRANNO RISPRUTTURARE IL DEBITO

I dati sono chiari:

GRECIA: il debito e’ salito da 136% a 160% in 12 mesi. Cio’ e’ legato al collasso del PIL a sua volta connesso alle politiche di austerity. E’ evidente che la dinamica del Debito portera’ nell’arco di alcuni mesi ad una nuova ristrutturazione del Debito.

PORTOGALLO: il debito e’ salito da 95% a 127% in 24 mesi, e cresce di un 4% a trimestre. Cio’ e’ legato al collasso del PIL a sua volta connesso alle politiche di austerity (qui hanno fortemente tagliato la spesa pubblica). E’ evidente che la dinamica del Debito portera’ nell’arco di alcuni trimestri ad una ristrutturazione del Debito.

IRLANDA: il debito e’ salito da 95% a 125% in 24 mesi, e cresce di un 3-4% a trimestre. Non considerando la quota di PIL legata ai profitti delle imprese estere, siamo al 150%. E’ evidente che una ristrutturazione del Debito e’ un ipotesi da non scartare.

In SPAGNA il Debito e’ all’88% (+15% in 1 anno), in ITALIA al 130,3% (+6,5% in un anno), il che fa presupporre che se tali dinamiche continuassero, nell’arco di alcuni trimestri la ristrutturazione del Debito si porrebbe come un ipotesi tutt’altro che trascurabile.

Ma anche nazioni “CORE” come FRANCIA, UK, OLANDA e BELGIO hanno visto crescere il debito dell’8-10% in un paio d’anni, e continuano ad avere una tendenza rialzista.

Unica nazione che ha debito pubblico stabile e’ la GERMANIA.

 

gpg1 (321) - Copy - Copy - Copy - Copy

Quanto sopra conferma ancora una volta che:

A) l’Eurozona ha un problema serio e la sua crisi di squilibrio e’ tutt’altro che risolta (lo si vede anche nei conti pubblici)

B) All’interno dell’Eurozona una sola nazione va bene (Germania), altre male ed altre ancora malissimo.

 

By GPG Imperatrice

Mail: gpg.sp@email.it

Facebook di GPG Imperatrice

Clicca Mi Piace e metti l’aggiornamento automatico sulla Pagina Facebook di Scenarieconomici.it

Segui Scenarieconomici.it su Twitter

1 Comment

  • […] e portare crescita attraverso riforme strutturali, si sono dimostrate un disastro su ogni fronte: i debiti sono esplosi, la crescita non si vede, e le poche riforme che si vedono vanno nella direzione di impoverire la […]

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog