Seguici su

Attualità

Chennai, India: sarà la prossima meta del tursmo medico?

Pubblicato

il

L’India è spesso conosciuta per i trattamenti ayurvedici, lo yoga e altre medicine alternative, ma Chennai, la porta d’ingresso dell’India meridionale, sta guadagnando popolarità come hub del turismo medico globale grazie al suo gruppo di ospedali di livello mondiale e alle sue competenze mediche.
Lo Stato del Tamil Nadu, dove si trova Chennai, attira circa il 40% dei turisti medici del Paese, secondo quanto dichiarato nel 2019 dall’ex ministro del Turismo dello Stato, Vellamandi N Natarajan. I pazienti stranieri provenienti dai Paesi limitrofi, dall’Africa, dal Medio Oriente e dal Sud-Est asiatico visitano la città per sottoporsi a procedure e trattamenti quali interventi di bypass cardiaco, trapianto di organi, sostituzione dell’anca, trapianto di midollo osseo e interventi agli occhi. Tutti interventi massicci e complessi.
“L’India e Chennai in particolare stanno rapidamente diventando un centro medico per i pazienti internazionali, soprattutto grazie alle strutture mediche di alta qualità disponibili a una frazione del costo rispetto al mondo occidentale”, ha dichiarato il dottor C Senthil Nathan, oftalmologo di Chennai.
Altri fattori della popolarità della città come hub medico sono gli alti tassi di successo e i brevi tempi di attesa, ha aggiunto.

Le cure mediche a Chennai costano molto meno rispetto ai Paesi sviluppati, circa un terzo dei costi in quelle nazioni, soprattutto in considerazione della produzione indiana e dell’accesso ai farmaci generici. “Questo, insieme alla reputazione della città per l’assistenza medica di alta qualità, ha reso Chennai una destinazione popolare per il turismo medico”, ha detto il dottor Senthil Nathan.
Ad esempio, secondo il think tank indiano NITI Aayog, un intervento di bypass cardiaco che può costare fino a 26.000 dollari nei Paesi occidentali può costare solo 7.900 dollari in India.
Il turismo medico nel Paese ha ricevuto un ulteriore impulso nel 2018, quando il governo indiano ha istituito un fondo di 641 milioni di dollari per migliorare i settori dei servizi, tra cui il turismo sanitario. Nel 2020, l’India si è classificata al 10° posto nell’indice globale del turismo medico, un settore che si stima avrà un valore globale di 53 miliardi di dollari entro il 2028.

Il ritorno dei medici della diaspora indiana dall’estero ha anche aumentato la qualità dei servizi sanitari nel Paese. Molti medici indiani, come il dottor Ennapadam S Krishnamoorthy, neuropsichiatra di Chennai, sono tornati dall’Europa, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti, attratti dalle migliori condizioni di vita e dalla migliore tecnologia medica del Paese.
“Ho visto l’India e Chennai come una terra di opportunità emergenti e ho riconosciuto che l’Occidente poteva porre dei limiti per la crescita della carriera”, ha detto.
Anche molti medici indiani all’estero, sempre più sfidati dalle rigide normative sanitarie sui medici, sono tornati in India per lavorare negli ospedali aziendali di Chennai, che offrono stipendi elevati e infrastrutture di livello mondiale.

“I medici che tornano spesso hanno successo se si adattano alla cultura e all’ambiente di lavoro, molto diversi da quelli occidentali”, ha aggiunto il dottor Krishnamoorthy.
“Chennai ospita alcuni dei migliori ospedali e strutture mediche dell’India, molti dei quali accreditati da organizzazioni internazionali. Queste strutture offrono tecnologie e attrezzature all’avanguardia, oltre a personale medico altamente qualificato ed esperto”, ha dichiarato il dottor Venkatesh Munikrishnan, chirurgo colorettale presso gli Apollo Hospitals. Ha inoltre sottolineato che la città è nota per le sue competenze in settori quali cardiologia, oncologia, ortopedia e trapianti.
Ospedali come l’Apollo hanno anche stabilito partnership con compagnie assicurative internazionali che aiutano i pazienti a coprire le spese mediche. La maggior parte degli ospedali dispone di un’ala internazionale dedicata che collabora con le agenzie di viaggio e i programmi di soggiorno in famiglia per offrire un’esperienza completa da porta a porta.
“Chennai era uno dei centri originali in India per le competenze mediche già negli anni ’60 e ’70. Eminenti medici come il dottor Mahadevan (autore del classico testo di chirurgia) e il dottor B Ramamurthy (il primo neurochirurgo dell’Asia) lo hanno garantito, così come la presenza di tre delle più antiche facoltà di medicina dell’India”, ha dichiarato il dottor Krishnamoorthy.

Anche la creazione dell’ospedale Apollo, il primo “corporate hospital” dell’India, negli anni ’80 ha rafforzato lo status di Chennai come hub per il turismo medico, e la “posizione di leadership [della città nel turismo medico] è destinata a continuare”, ha aggiunto. la città ha una lunga tradizione nel settore della medicina, fin dagli anni 60 e 70.

Anche la creazione dell’ospedale Apollo, il primo “corporate hospital” dell’India, negli anni ’80 ha rafforzato lo status di Chennai come hub per il turismo medico, e la “posizione di leadership [della città nel turismo medico] è destinata a continuare”, ha aggiunto.
La spinta della città a rivolgersi ai pazienti stranieri è stata anche oggetto di critiche da parte dei locali. Molti indiani a basso reddito spesso faticano a permettersi qualsiasi forma di assistenza sanitaria, con servizi pubblici generalmente poco finanziati e servizi privati troppo costosi.
Molti esperti ritengono che il turismo medico non sia etico e si sviluppi a costo di trascurare l’assistenza sanitaria di base per i cittadini.
K Srinath Reddy, cardiologo e direttore della Public Health Foundation of India, ha dichiarato al quotidiano indiano Economic Times che l’espansione delle strutture mediche proposta dal governo per i turisti è una cattiva idea.
“Se uno straniero vuole venire in India per un trattamento speciale, va bene. Ma non dobbiamo costruire le nostre strutture principalmente per curare i pazienti stranieri. Dobbiamo prima garantire che le nostre esigenze sanitarie siano soddisfatte in modo efficiente ed equo”.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito