attualita' posted by

CARO PREMIER OLANDESE RUTTE, L’ITALIA E’ FORTE E VUOLE FARE DA SOLA. SIETE VOI ED I VOSTRI COMPLICI ITALIANI CHE CI TENGONO IN CATENE.

Il Premier Olandese Mark Rutte si è fatto intervistare dal Corriere La 7, dove ha presentato la sua stantia politica di austerità. Per carità, da un lato lo si può anche capire e , soprattutto, lo capiscono i suoi elettori. Gli olandesi sono uno tato democratico dove comandano i cittadini ed il parlamento, anche quando trattano gli altri con un atteggiamento che sfiora il disprezzo, come spesso gli capita.  Non hanno governi venduti e servi come il nostro… Leggiamo le parole di Rutte

Lei, insieme agli altri Paesi cosiddetti frugali, è contrario all’idea di dare più contributi a fondo perduto che prestiti. Perché?
«L’Olanda capisce e appoggia l’appello alla solidarietà. (…). Dobbiamo solidarietà ai Paesi più colpiti dalla pandemia, sapendo però che anche noi siamo stati colpiti gravemente. Ciò significa che gli Stati i quali necessitano e meritano aiuto devono anche far sì che in futuro siano capaci di affrontare da soli crisi del genere in modo resiliente. E voglio aggiungere che ammiro ciò che fa Conte, cercando di varare un pacchetto di riforme mirate ad aumentare la produttività e la competitività dell’Italia, incluse misure impopolari. È un buon inizio e spero prosegua. Perché è cruciale che la prossima volta l’Italia sia in grado di rispondere a una crisi da sola».
Ma perché prestiti e non contributi?
«Un sistema di prestiti è molto più logico. Anche quelli sono aiuti. E dalle analisi della Commissione, sappiamo che la sostenibilità del debito di Italia e Spagna non sarà diminuita da nuovi prestiti. Per questo la nostra posizione è che l’aiuto dev’essere fatto di prestiti, non di contributi. Ma insistiamo anche perché ci si concentri sull’aumento della competitività e della resilienza dei Paesi che li ricevono».

Caro Rutte, dal profondo del cuore e delle statistiche, ti dico alcune cose:

  1. l’Italia ce la può fare benissimop da sola perfino ora. Batserebbe mandare a quel paese te e qul baraccone chiamato Unione europea, euro e “Accordo bilaterale contro la doppia imposizione” con Lussemburgo, Paesi Bassi, Irlanda etc e considerare le società che li trasferiscono la sede per quello che sono: degli evasori ed elusori fiscali.
  2. la tua politica di concorrenza fiscale scorretta costa 10 miliardi all’anno a Italia Spagna e Francia. Con la nostra quota, ad esempio 3 miliardi, potremmo tranquillamente prendere 80-90 miliardi in prestito , ripagarne gli interessi ed il capitale per tempo. Uno dei mali dell’Italia siete proprio voi, favoriti dalla Commissione;

Caro Mark, invecc che venire a predicare manda a casa al Von der Leyen che hai contribuito ad eleggere e che vuole il recovery Fund a base di fondi perduti per aiutare la riconversione della fallimentare industria automobilistica tedesca. Noi cercheremo di mandare a casa Giuseppi ed il valletto della Merkel, Gualtieri. Poi vi lasceremo con Macron, la cancelliera, a godervi gli enormi piaceri di una moneta sopravvalutata, dopo aver denunciato i trattati di doppia imposizione ed aver obbligato chi genera redditi in Italia a pagare le tasse in Italia, con le buone e le cattive. Noi ce la faremo da soli, quando voi la smetterete di interferire nella politica italiana, nell’influenzare la magistratura come è successo con Berlusconi o Salvini, quando non manderete più le vostre barche a commerciare schiavi dal nord Africa. Noi siamo pronti, caro Mark, quando farai tu la tua parte?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed