attualita' posted by

Ben 83% degli americani ha ridotto i consumi per il caro-benzina. Pensate gli italiani!

La Provident Bank, istituto finanziario leader del New Jersey, ha reso noti i risultati del suo recente sondaggio sugli effetti dell’inflazione sui consumi, condotto su 600 adulti di età superiore ai 18 anni, che mostra come le persone stiano pesantemente cambiando le proprie abitudini di consumo per il caro prezzi.

Secondo i risultati del sondaggio, più del 10% (10,5%) ha dichiarato di aver eliminato tutti gli acquisti non essenziali e più del 70% (71,67%) ha dichiarato di aver apportato almeno qualche modifica alle proprie abitudini di viaggio.

Mentre alcuni consumatori hanno ridotto alcune spese non essenziali, come le cene fuori casa e i viaggi non necessari, altri hanno dichiarato di aver apportato cambiamenti molto più drastici, come saltare i pasti, conservare l’acqua ed eliminare la carne dalla dieta. Le persone sentono un’immensa pressione finanziaria in questo momento. Purtroppo, questo non sorprende dopo che il Dipartimento del Lavoro ha riferito all’inizio del mese che l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti (CPI) ha raggiunto un massimo di 40 anni nel mese di maggio.

Alla domanda su quali siano gli aumenti di prezzo di prodotti o servizi acquistati regolarmente che hanno maggiormente danneggiato i consumatori, la benzina, i generi alimentari e l’abbigliamento sono stati tra gli articoli più citati. Oltre il 50% (53,33%) ha dichiarato di spendere tra i 101 e i 500 dollari in più al mese per i generi alimentari.

Con il prezzo medio della benzina negli Stati Uniti che ha superato per la prima volta i 5 dollari al gallone, le notizie di vacanze cancellate e di un calo dei viaggi di piacere hanno iniziato a fare notizia. Secondo i risultati del sondaggio, il 32% degli automobilisti spende ora tra i 101 e i 250 dollari in più al mese per la benzina, mentre il 13,5% dichiara un aumento mensile dei costi del carburante tra i 251 e i 500 dollari.

Oltre alla benzina, ai generi alimentari e all’abbigliamento, gli intervistati hanno indicato i prodotti per l’infanzia, la carne, i servizi di pubblica utilità, i prodotti per la casa, il latte e l’alcol come le spese più elevate.

Quando è stato chiesto loro quali modifiche hanno apportato ai piani di viaggio e alle abitudini di guida a causa dell’aumento del costo della benzina, molti hanno dichiarato di aver ridotto o eliminato i viaggi non necessari, cancellando le vacanze annuali, andando a trovare i familiari meno frequentemente o combinando le uscite necessarie come la spesa e le visite mediche in un unico viaggio. Tra i temi comuni delle risposte, l’abbandono del veicolo a favore di passeggiate a piedi o in bicicletta, l’aumento dell’uso dei mezzi pubblici e la sostituzione dei veicoli più vecchi con altri più efficienti dal punto di vista dei consumi.

Altri risultati del sondaggio:

  • Quasi la metà (46,33%) degli intervistati ha dichiarato di utilizzare la carta di credito un po’ più spesso o molto più spesso per gli acquisti di routine rispetto all’anno precedente.
  • Dei 600 adulti che hanno completato il sondaggio, circa il 41% (41,17%) ha dichiarato di contribuire meno ai propri risparmi. Di questo gruppo, circa il 38% (38,46%) ha dichiarato di avere meno di 1.000 dollari in un conto di risparmio personale.
  • Nonostante le attuali difficoltà, più della metà (57,83%) ha dichiarato di ritenere che l’anno prossimo si troverà in una situazione migliore.
  • Su come i consumatori stanno risparmiando sulle spese personali, ad esempio smettendo di fumare, facendo acquisti nei discount e passando a prodotti generici. Altri  accettano “lavori saltuari” per ottenere un reddito extra. Spesso anche le soste per la benzina sono programmate in anticipo.

Cosa ci dice questo sondaggio:

  • se gli americani consumano meno, importeranno meno, esportando la recessione anche in Europa;
  • il nostro shock energetico è stato molto superiore a quello USA. Che fine fanno i consumi degli italiani?

Ovviamente in Europa si fa finta di nulla, dando la colpa a Putin. Una grande bugia che, prima o poi, verrà a galla. Prima o poi gli americano faranno pagare a Biden, e con gli interessi, la distruzione di benessere che stanno subendo. Mica sono come gli italiani….

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal