attualita' posted by

Basta con la Sindrome del Maggiordomo! Subito blocco navale di A.M.Rinaldi

 

Il governo italiano, seguendo la miglior tradizione iniziata sin dai tempi di Maastricht, ha per l’ennesima volta dimostrato di essere affetto dalla Sindrome del Maggiordomo, evoluzione nostrana della ben nota Sindrome di Stoccolma, dove l’ostaggio giustifica e asseconda il suo carceriere in tutto e per tutto al punto da giustificarne ogni suo comportamento e sopruso.
Non si tratta cavalcare ideologie politiche di parte, ma di rappresentare lo stato oggettivo dei fatti: la situazione sul fronte migranti è sfuggita di mano e potrebbe evolversi sapidamente in disastro irreversibile alla luce del totale disinteresse degli altri paesi europei i quali si ostinano nel che sia un problema esclusivamente italiano.
L’ultima dimostrazione l’abbiamo avuta ieri quando è stata avanzata alle istituzioni europee, per mezzo del nostro rappresentante, una richiesta formale sul tema immigrazione che sta investendo drammaticamente il nostro paese.

Si paventava timidamente alle UE di non consentire più l’approdo alle navi ONG non battenti bandiera italiana per evitare che i nostri porti continuassero ad essere le uniche mete dei profughi prelevati il più delle volte direttamente davanti alle coste africane. La risposta non è tardata nella stessa giornata con un laconico e scontato “Italia obbligata a salvare vite” per poi correggersi con “Italia eroica. Non va lasciata sola”  che sa tanto di presa per i fondelli.
Se avesse risposto Ponzio Pilato sicuramente l’avrebbe presa molto più a cuore… ma cosa volevamo aspettarci da una Europa a trazione Germania che proclama di aprire le porte a tutti ma nei fatti solo a quelli con istruzione elevata come i siriani o dai francesi che proclamano come loro tradizione l’ausilio a tutti ma a Ventimiglia non fanno passare neanche uno spillo? Le mezze maniche dei burocrati di Bruxelles cosa ne sanno di cosa sta succedendo in Italia e cosa gli interessa se siamo sull’orlo della rivolta dei cittadini? Forse, anzi ormai si ha la conferma, che tutto questo gli stia bene!

Ormai anche membri della maggioranza PD si stanno rendendo conto dell’insostenibilità nell’escalation che ha portato in solo 48 ore la cifra record di 12.000 migranti sul suolo italiano e l’imbarazzo inizia finalmente a montare anche nei palazzi romani del potere (anche se sarebbe ormai opportuno definirli di non-potere).

Che la situazione stesse precipitando sul fronte sbarchi lo si era capito chiaramente dallo stesso ministro degli interni Marco Minniti, sicuramente al corrente della reale situazione rispetto a quella edulcorata dai media, il quale ha addirittura fatto invertire il volo mentre stava raggiungendo gli Stati Uniti e facendo intuire anche ai non addetti ai lavori che finalmente il nostro paese è in procinto di cambiare le strategie fino ad ora permesse in modo passivo.

La stessa discussione poi dello ius soli, che garantirà in modo molto più permissivo la cittadinanza rispetto ad altri paesi europei, sta inducendo a una sorta di “corsa” verso l’Italia ed è quanto mai scontato che nelle prossime settimane, complice la stagione favorevole, gli arrivi registreranno massimi record.

L’unica opzione possibile per arginare quello che può considerarsi alla stregua di migrazioni bibliche e che sta creando non pochi problemi di tenuta sociale nel nostro paese è imporre da subito un blocco navale che non consenta più l’arrivo automatico nei nostri porti. Il governo italiano dimostri per una volta di fare gli interessi del paese e dei cittadini e non di genuflettersi fino a sbucciarsi le ginocchia in riverenze verso l’Unione Europea!

Naturalmente in caso di pericolo non si negherebbe l’aiuto umanitario a nessuno, ma esclusivamente lo stretto tempo tecnico necessario alla identificazione e al rimbarco su navi militari, con tutte le garanzie di sicurezza, per riportarli da dove sono partiti (con la tracciatura satellitare i servizi di intelligence sono in grado di localizzare esattamente e preventivamente il luogo di partenza con uno scarto di qualche millimetro!).

Sarebbe un messaggio chiarissimo ai trafficanti e sfruttatori di esseri umani e alle ONG che con il loro operato si stanno rendendo complici di criminali (piuttosto le indagini della Magistratura sulle connivenze fra ONG e trafficanti stanno andando avanti?).

D’altronde abbiamo potuto constatare che in occasione del G7 svolto a Taormina a fine maggio scorso è possibile poter procedere con un blocco navale e non si comprende pertanto come per la salvaguardia e sicurezza nazionale ormai al limite non di possa adottare lo stesso provvedimento riservato per la sicurezza dei leader dei paesi intervenuti al Summit.
Se gli altri paesi, che si sono tanto prodigati per traghettare i profughi nei nostri porti, sono animati da sincero desiderio umanitario, possono sempre soddisfare la propria coscienza portandoli direttamente a casa loro!

Antonio M. Rinaldi

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog