attualita' posted by

Bankitalia: “tutti in pensione a 70 anni”. Tutti=(Tutti-Bankitalia)

In seguito alla segnalazione di un gentile lettore, rettifichiamo l’informazione sull’applicazione del TQP: il contratto sotto descritto si applica agli assunti fino al 24 aprile 1993. Per gli assunti successivamente a tale data è entrato in vigore un accordo del 2008 che riduce i benefit e allinea l’età pensionabile a quella prevista dalla legge, pur concedendo una generosissima pensione integrativa.

Rimangono intatti tutti i privilegi degli assunti ante-1993, gli stipendi faraonici e la spesa di un miliardo all’anno per 7.000 dipendenti e un numero imprecisato di pensionati.

 

Continuando la nostra serie “Le pensioni della Troika” ci dedichiamo oggi a Banca d’Italia, la gloriosa e ossimorica istituzione pubblica di proprietà privata che ha così efficacemente controllato i bilanci delle banche venete e toscane.

Pochi giorni fa Bankitalia-Eurosistema ha lanciato il suo diktat: tutti in pensione a 70 anni!

Andiamo a vedere come razzolano quelli che esigono tanto rigore e austerità per noi:

Hmmm … Costo di un miliardo all’anno, per fare che? Retribuzione di Visco il doppio di Draghi e il triplo della Yellen della Fed, Fed che ricordiamolo ha un bilancio di 4.500 milardi di dollari, circa 300x quello di Bankitalia?  Dirigenti che prendono 251.000 euro all’anno, più di Obama e Macron? Costo medio dei dipendenti di 140.000 euro all’anno? Iniziamo bene!

Vediamo sul fronte pensionistico come si comportano i virtuosi controllori di Banca d’Italia-Eurosistema. Consultiamo il Regolamento per il Trattamento di Quiescenza del Personale del 1992, applicabile solo agli assunti fino all’aprile 1993.

Studiamoci il documento. I punti cardine del principesco sistema pensionistico speciale per i dipendenti di Banca d’Italia assunti ante-1993:

  • Pensione a 60 anni
  • Pensione fruibile subito in caso di dimissioni dopo 21 anni di servizio, capitalizzata al 50% e pagata cash ogni 30 giorni per l’altro 50%
  • Pensione calcolata con metodo retributivo, calcolato sull’ultimo stipendio ed emolumenti vari e maggiorato dal 19,25% (segretari operai etc) al 28,75% (quadri superiori)
  • Pensione pari all’81% dell’ULTIMO STIPENDIO con 36 anni di anzianità, stipendio inclusivo di premi e maggiorazioni di cui sopra: vedi tabella
  • Versamenti previdenziali integrativi interamente pagati dalla Banca d’Italia: nulla è a carico dei dipendenti …
  • Riscatto della laurea con 4/5 anni di anzianità convenzionale, con versamenti di appena un quarto di quelli dovuti
  • maturazione del diritto alla pensione Bankitalia con 21 anni di anzianità
  • Reversibilità per coniuge superstite e figli minorenni o anche genitori over 65
  • Privilegi vari ed eventuali che noi tutti ci sognamo da un pezzo, tipo liquidazione interamente versata e non trattenuta come pensione integrativa etc

Buon per loro, non abbiamo invidia ma solo un forte senso di ingiustizia: come può Bankitalia chiedere 70 anni per noi col contributivo e mantenere i 60 anni per loro col retributivo? Le pensioni d’oro esistono ancora, e sono quelle di chi chiede a noi di stringere la cinghia e magari morire sul posto di lavoro.

Tabella delle misure percentuali delle pensioni di Bankitalia in funzione dell’anzianità

Ma come funziona il generosissimo, sardapanalesco e semisegreto fondo integrativo delle pensioni di Bankitalia? Ce lo disse Repubblica nell’87:

“Il TQP è organismo tanto sofisticato e importante per l’ istituto di emissione da essere gestito in prima persona dal Direttorio e cioè dal governatore Ciampi, dal direttore generale Dini e dai due vicedirettori Fazio e Padoa Schioppa, coadiuvati da una commissione consultiva”

Padoa Schioppa, quello della “durezza del vivere” (per gli altri, e Dini, quello della riforma delle pensioni (per gli altri). E ancora:

“Tqp è l’ abbreviazione usata per indicare il fondo pensioni della Banca centrale, un colosso da 3 mila miliardi di lire, che distribuisce indennità d’ oro, smuove centinaia di miliardi sul mercato mobiliare, investe in obbligazioni, titoli di stato, immobili e di cui poco, se non pochissimo, si parla. Un tempo semplice cassa pensioni creata con i contributi della Banca e dei dipendenti, a metà degli anni 60, per opera di Antonino Occhiuto, il Tqp è stato rivoluzionato da cima a fondo: niente più versamenti di contributi da parte del personale e suo integrale trasferimento alla Banca che lo ha inserito nel bilancio utilizzando gli accantonamenti per gli investimenti.”

Il TQP vale oggi 9 miliardi di euro, quindi nel tempo Bankitalia ci ha messo 7,5 miliardi di suo, più o meno, a fronte di impegni pensionistici attualizzati di 6,7 miliardi. Che previdenza, vero?

Come previsto, l’ennesimo caso di DUE PESI E DUE MISURE DELLE ÉLITES.

PS: Ricordiamo che quando il governo Renzi cercò, timidamente, di chiedere a Visco di limitare i compensi suoi e dei dirigenti e rispettare il tetto di 240.000 euro il Visco s’inalberò peggio del cavallino Ferrari, e si scomodò Draghi per difendere il collega con un bel “le banche centrali sono indipendenti dal governo”. Circolare, non c’è niente da vedere.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog