attualita' posted by

Variante SudAfricana (o Omicron): chi perde, chi vince e chi andrà in tilt in Italia..

Qui parleremo di Variante Sudafricana, o Omicron, con un’informazione per quanto possibile completa, con quello che si sa. Però prima vi diciamo chi ora sta perdendo, vincendo, e chi andrà in tilt.

Chi Perde? La Borsa! Dopo l’Asia Europa e USA vanno in tilt. Chi ha diffuso tutte queste notizie, se era uno speculatore, è diventato ricco

Vediamo Europa:

ed USA

Una bella bastonata che manda in negativo i valori della settimana e del mese. Ormai la medicina guida la speculazione.

Chi Vince? Pfizer, almeno a parole. Velocissima nel marketing vaccinale la società americana ha affermato di poter emettere un nuovo vaccino in 100 giorni. Però anche la sua medicina pare che sarà efficace anche contro la variante, almeno in teoria.

Chi andrà in Tilt? L’Italia del Green Pass e del Super Green Pass. Se, come pare, la variante buca allegramente il vaccino, perde senso il booster che, al limite, per chi lo vuole e si fida, potrà essere sostituito dal nuovo vaccino che svilupperà Pfizer. A questo punto il Green Pass e il Super Green Pass diventano strumenti poco credibili, e somigliano sempre più a una ammuina fatta dal governo per giustificare, a posteriori, gli obblighi sin qui applicati.

E ora un po’ di informazioni:

  • Considerata la variante più pesantemente mutata del Coronavirus, finora, poiché ha 32 mutazioni nella proteina spike e 50 in totale. Più specificamente, gli scienziati hanno evidenziato che ci sono 10 mutazioni contro 2 nella variante Delta per quanto riguarda il dominio di legame del recettore, che è la porzione del virus che entra in contatto iniziale con le cellule.
  • La variante Nu è stata identificata 5 giorni fa inizialmente in Botswana con successiva conferma e sequenziamento in Sud Africa con circa 100 casi confermati. Casi sono stati rilevati in Israele e Hong Kong e, da questa mattina, in Belgio.
  • I dati di sequenziamento suggeriscono che 8.1.1.529 ha un diverso percorso evolutivo, ma condivide alcune mutazioni comuni con le varianti C.1.2, Beta e Delta.
  • Detto questo, come abbiamo avvertito la scorsa notte, un numero significativo di mutazioni potrebbe non essere necessariamente un “negativo” in quanto dipende da come funzionano queste mutazioni, cosa che gli scienziati devono ancora stabilire. Se   è compito della scienza seminare  paura in modo che Pfizer possa acquistare uno yacht ancora più grande, allora possiamo dire che sarà “molto, molto orribile” fino a quando non si dimostrerà innocua.
  • Attualmente è troppo presto per determinare se la nuova variante ha una mortalità più elevata rispetto alle varianti precedenti. I casi segnalati hanno iniziato ad aumentare in Sudafrica solo il 19 novembre, quindi non sarà ancora emerso alcun impatto sui ricoveri e sui decessi correlati al COVID, che a ora sembrano normali;
  • Tulio de Oliveria, direttore del Centro per la risposta alle epidemie e l’innovazione (CERI), in Sud Africa, ha scritto che la variante può essere rilevata da un normale test PCR e come tale sarà “facile per il mondo rintracciarla”. Non è stato immediatamente chiaro se questo è uno di quei “test PCR falsi positivi in eccesso”, ma per ora è lecito ritenere che lo sia. 
  • Secondo Credit Suisse, “un lato positivo può venire dalla facilità di identificare questa variante tramite test qPCR. B.1.1.529 ha una delezione all’interno del gene s che può essere facilmente identificata tramite test PCR ampiamente utilizzati. Sequenziamento più complesso è necessaria un’analisi per differenziare la variante delta. Ciò aiuterà a monitorare la diffusione di B.1.1.529, sia nell’Africa meridionale che in tutto il mondo”.
  • A partire da giovedì sono stati rilevati quasi 100 casi in Sud Africa, dove è diventato il ceppo dominante tra le nuove infezioni. I primi risultati dei test PCR hanno mostrato che il 90% dei 1.100 nuovi casi segnalati mercoledì nella provincia sudafricana che include Johannesburg sono stati causati dalla nuova variante, secondo de Oliveira.

  • Nel vicino Botswana, lunedì i funzionari hanno registrato quattro casi in persone che erano state completamente vaccinate. A Hong Kong, è stato scoperto che un viaggiatore del Sud Africa aveva la variante e un altro caso è stato identificato in una persona messa in quarantena in una stanza d’albergo dall’altra parte del corridoio. Israele ha anche identificato un caso in un uomo che si è recato di recente in Malawi. Anche il Belgio ha segnalato due nuovi casi.
  • Secondo de Oliveira, questa nuova variante, B.1.1.529 “sembra diffondersi molto rapidamente! In meno di 2 settimane ora domina tutte le infezioni a seguito di una devastante onda Delta in Sud Africa (nuova variante blu, ora al 75% degli ultimi genomi). e presto per raggiungere il 100%)”

 

  • Oliveria, spiega che la nuova variante si sta diffondendo molto rapidamente, in meno di due settimane sta dominando tutte le infezioni in Sud Africa a seguito del dominio delle onde delta – scrivendo che la variante è “ora al 75% degli ultimi genomi e presto per raggiungere 100%”.
  • Inoltre, il virus contiene mutazioni che sono state osservate in altre varianti e sembrano facilitare la trasmissione.
  • È troppo presto per determinare con precisione la risposta del vaccino alla nuova variante. Tuttavia, il numero significativo di varianti aumenta la probabilità che i vaccini attuali, progettati pensando al ceppo originale COVID-19, possano essere meno efficaci.
  • Le varianti note includono quelle che rendono più difficile per gli anticorpi riconoscere la loro presenza.
  • I test di laboratorio sono già in corso secondo l’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili del Sudafrica. Di primo acchito l’istituto ritiene probabile una fuga immunitaria parziale, una visione che sembra possibile date le numerose mutazioni rispetto alla sequenza contro cui sono stati progettati i vaccini esistenti. Il primo punto di vista su questo proviene dal test di immunogenicità in vitro o forse dalla modellazione al computer della sequenza. Credit Suisse stima che i dati di laboratorio iniziali potrebbero richiedere meno di 1 settimana per essere generati, dato che la sequenza è già nota e il lavoro è già in corso.
  • Secondo Pfizer, se emerge una variante non coperta dal vaccino, l’azienda prevede di sviluppare, produrre un vaccino su misura in 100 giorni. Giusto per mandare al diavolo le terze dosi di milioni di italiani…
  • Ci sono stati progressi significativi nel trattamento del COVID da quando è emerso nelle ondate di malattia del 2020: l’uso di steroidi ampiamente disponibili e farmaci antinfiammatori, come Actemra di Roche, ha migliorato significativamente i risultati di sopravvivenza.
  • Più di recente, le terapie anticorpali mirate al COVID (LLY, REGN/Roche, AZN) hanno finora migliorato significativamente i risultati contro le varianti di COVID. Bisognerà vedere se la loro efficacia è uguale rispetto alla nuova variante B1.1.529.
  • Infine, i recenti dati positivi degli agenti antivirali orali (PFE, MRK/Ridgeback) potrebbero anche avere il potenziale per rallentare la diffusione di eventuali nuove ondate di COVID. L’efficacia di questi trattamenti contro nuove varianti preoccupanti dovrà essere testata, ma i risultati di laboratorio dovrebbero essere previsti in tempi relativamente brevi. Anche gli studi sull’uomo dovrebbero produrre risultati in tempi relativamente brevi se condotti in aree in cui la prevalenza di 8.1.1.529 è elevata.
  • Secondo Citi, la preoccupazione per Nu deve essere bilanciata con il fallimento di altre varianti preoccupanti come la Beta (anch’essa identificata per la prima volta in Africa) nel superare il delta.
  • Le prossime due settimane saranno fondamentali per: 1) determinare se Nu supera il delta nei paesi ad alta prevalenza delta (2-3 settimane), (2) gli pseudovirus ingegnerizzati per Nu per determinare la neutralizzazione da parte del siero della vaccinazione e dei pazienti precedentemente infetti (2- 4 settimane) e (3)  vedere dati dal mondo reale per determinare i tassi di ospedalizzazione e morte (circa 6-8 settimane). L’attuazione delle restrizioni di viaggio e delle misure di salute pubblica potrebbe ritardare alcune delle suddette stime temporali. I nuovi antivirali orali dovrebbero mantenere l’attività contro Nu, ma con il tempo può emergere resistenza.

E con questo c’è tutto quello che potete desiderare di sapere, senza allarmismi, ma con grandissima calma. Certo che Speranza è proprio sfortunato: ha voluto imporre il Super Iper Green Pass e la Natura gli rompe le uova nel paniere.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal