Seguici su

Attualità

USA: fuga di popolazione dagli stati Dem a quelli dei dei Repubblicani

Pubblicato

il

Negli USA ci sono stati vincenti, che crescono, e altri perdenti, che riducono la loro popolazione, il tutto con profonde motivazioni politiche. Il Texas e la Florida si sono divisi il titolo di Stato con la crescita più rapida nel 2022. Il Texas ha vinto in termini di numeri, con una crescita della popolazione di 470.708 unità. Con una popolazione di 30.029.572 abitanti nel 2022, il Texas è ora il secondo Stato della nazione ad avere una popolazione superiore ai 30 milioni.

La Florida si è classificata seconda, con un aumento di 416.754 unità. L’Arizona, la Carolina del Nord e la Georgia hanno completato la top five con aumenti di popolazione rispettivamente di 133.088, 124.847 e 94.320 unità.

New York, come l’anno scorso, è stata la grande perdente della nazione con un calo della popolazione di 180.341 unità nel 2022. Segue la California con una perdita di 113.649 persone. Illinois, Pennsylvania e Louisiana completano la top five dei perdenti con cali di popolazione rispettivamente di 104.437, 40.051 e 36.857 unità.

La Florida è stata la più grande vincitrice della nazione su base percentuale.

La popolazione del Sunshine State è cresciuta dell’1,9% nel 2022. L’Idaho si è classificato secondo, con un aumento della popolazione dell’1,8%. Seguono la Carolina del Sud con un aumento dell’1,7%, il Texas con un aumento dell’1,6% e il Sud Dakota con un aumento dell’1,5%.

Al contrario, New York è stata ancora una volta la grande perdente con un calo della popolazione dello 0,9% e l’Illinois si è piazzato al secondo posto con una perdita di popolazione di oltre lo 0,8%. La Louisiana, con una perdita dello 0,8%, la West Virginia, con lo 0,6%, e le Hawaii, con un calo dello 0,5%, completano la classifica dei cinque perdenti.

La fonte principale dei cambiamenti demografici tra i 50 Stati continua a essere la migrazione interna, ovvero il movimento naturale degli americani tra gli Stati. La migrazione interna netta è il numero di persone che si trasferiscono in uno Stato meno quelle che se ne vanno.

Né l’aumento naturale (nascite meno decessi) né la migrazione internazionale hanno lo stesso impatto della migrazione interna netta.

La Florida è rimasta la destinazione più popolare nel 2022, con un netto di 319.000 persone che hanno deciso di fare del Sunshine State la loro casa. Segue il Texas, con una migrazione netta di quasi 231.000 americani.

D’altro canto, 343.000 persone hanno deciso di non sopportare più la California – il peggior livello di emigrazione del Paese. New York e Illinois si sono classificati secondi, con perdite rispettivamente di quasi 300.000 e 142.000 persone.

Dal punto di vista politico è chiarissimo che gli stati “Rossi” , cioè repubblicani, esercitano una forte attrazione, mentre quelli democratici perdono popolazione. Vi è letteralmente una fuga dagli stati burocratici e ideologicamente guidati verso quelli più liberisti e fiscalmente con la mano leggera. Una lezione che dovremmo capire anche in Italia.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


2 Commenti

2 Comments

  1. Pingback: Usa, cittadini in fuga dalla sinistra: la popolazione degli stati Dem si trasferisce in quelli Repubblicani - Rassegne Italia

  2. Pingback: Cronaca XIV – NoXYZ

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento