attualita' posted by

Tutela privacy, dal Grande Fratello alle aziende GDPR compliant

 

 

 

foto da openculture.com

Big brother is watching you”. Dopo quasi 70 anni dalla sua pubblicazione, possiamo affermarlo senza ombra di dubbio: 1984, il celeberrimo romanzo di George Orwell, è stato più profetico che mai. La situazione reale ai giorni nostri, infatti, non è molto distante da quella descritta nel libro. Basti pensare al caso di Cambridge Analytica, soltanto l’ultimo di una lunga serie di intrusioni non autorizzate. La vicenda ha mostrato a tutto il mondo la naturalezza con cui un colosso mondiale può rendere disponibili i nostri dati sensibili per scopi elettorali.

La tutela della privacy è una tematica delicata, una continua fonte di dibattiti e discussioni. Le nuove normative comunitarie incideranno sensibilmente sull’attività quotidiana di migliaia di enti ed aziende che raccolgono dati sensibili per motivi commerciali.

Di fronte al diritto di ogni persona a mantenere riservata una parte più o meno consistente della propria vita, l’Europa ha risposto con il “Regolamento generale per la protezione dei dati”, più conosciuto come GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation. Il regolamento è entrato in vigore già nel 2016, ma sarà effettivamente attivo ed efficace a partire dal 25 maggio 2018.

Cosa prevede il GDPR per le aziende che raccolgono e trattano dati?

  • nuove sanzioni per gli inadempienti parametrate al fatturato globale;
  • riservatezza come impostazione predefinita su tutti i nuovi prodotti o servizi;
  • soluzioni customizzate per ogni differente tipologia di trattamento;
  • diritto all’oblio.

La metà delle aziende italiane, stando ai dati raccolti a gennaio 2018, non ha ancora attivato un piano di adeguamento. Le associazioni di categoria hanno richiesto proroghe e molte PMI si sono affidate a consulenti esterni.

Nonostante le sanzioni possano risultare fatali, gli analisti prevedono che sarà il mercato stesso ad imporre un veloce adeguamento. Una sorta di selezione naturale: al momento di definire a chi richiedere la fornitura di un qualsiasi prodotto o servizio, i clienti dovranno infatti decidere se scegliere chi offre il prezzo più basso oppure un fornitore GDPR compliant. Gli esperti non hanno dubbi: che si tratti di un e-commerce o di una società di recupero crediti, i consumatori tenderanno – nel medio e lungo periodo – a scegliere i soggetti che dimostrano di rispettare le regole in tema di privacy e big data.

Riusciranno le PMI italiane ad adeguarsi per tempo? Ai posteri l’ardua sentenza.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog