attualita' posted by

Torna l’energia dal carbone negli USA. Greta piange

Come riportato da Oilprices, l’energia prodotta dal carbone aumenterà per la prima volta nel 2021 dal 2014, Tutto questo non è che l’effetto dell’aumento dei prezzi del gas legato alla crisi energetica attuale e alle cattive politiche del settore dei paesi occidentali. Mi dispiace Greta, ma quest’anno dovrai piangere.

Questo potrebbe essere l’ultima  festa per il l carbone, poiché il combustibile fossile è ancora destinato a un declino continuo nel medio e lungo termine, affermano gli analisti, tra la spinta globale verso l’energia pulita e la tendenza ESG che limita gli investimenti e l’accesso ai finanziamenti nell’industria del carbone .

Tuttavia, i produttori di combustibile fossile statunitensi, che hanno già beneficiato della crescente domanda dei servizi pubblici quest’anno, hanno almeno un altro anno di forti vendite e di flussi di cassa elevati poiché i prezzi del gas naturale perdureranno nel 2022 e rendono perfino il carbone più costoso.

La produzione annuale di elettricità da carbone degli Stati Uniti è destinata ad aumentare quest’anno per la prima volta dal 2014 e la quota di carbone nel mix di generazione di energia americana è destinata a salire al 23 percento nel 2021 dal 20 percento nel 2020 con il rimbalzo della domanda di elettricità e il Il prezzo del gas naturale consegnato per i generatori di elettricità è più che raddoppiato, secondo le stime dell’EIA.

La domanda di carbone è in aumento tra gli alti prezzi del gas naturale
L’aumento della domanda di carbone e la scarsa risposta dell’offerta hanno esaurito le scorte di carbone degli Stati Uniti ai livelli più bassi dai primi anni ’70. Mentre i servizi pubblici si affrettavano a garantire l’approvvigionamento prima dell’inverno, si stima che i prezzi del carbone negli Stati Uniti abbiano raggiunto a novembre il livello più alto dal 2009.

L’ascesa del carbone quest’anno mette in luce anche una sfida chiave per la transizione verso l’energia verde: il passaggio a un’energia più pulita non avverrà dall’oggi al domani e tenere le luci accese in America ha ancora bisogno di molto carbone e gas naturale, indipendentemente dalle politiche di lungo termine. I carbone potrebbe diventare il “Cash cow”, la mucca da utili della transizione proprio perché ormai non necessità più di enormi investimenti, ma si tratta solo di ottenere liquidità.

Gli Stati Uniti ottengono ancora oltre il 60 percento della loro produzione di elettricità da combustibili fossili, di cui il 40 percento era gas naturale e il 20 percento carbone nel 2020. Quest’anno, l’EIA stima che la quota del gas scenda a una media del 36 percento dal 39 percento dell’anno scorso, ma la quota del carbone sale di 3 punti percentuali al 23 percento. Si prevede che la quota di energie rinnovabili, inclusa l’energia idroelettrica, rimarrà sostanzialmente invariata rispetto all’anno al 20%.

Mi viene in mente quella battuta, che dice chi dice Natale, non può arrivare un po’ in anticipo. Ora abbiamo tre quarti della nostra migliore performance finanziaria e operativa dell’anno da quando siamo diventati pubblici“, ha dichiarato Randy Atkins, CEO di Ramaco Resources, grosso produttore  di carbone  lo scorso mese commentando i risultati del terzo trimestre.

Nel lungo periodo l’industria è destinata al declino, ma, parliamoci chiaro, nel lungo periodo saremo tutti morti. Intanto, nel medio breve, porta a casa degli utili, dovuti in gran parte alla pessima programmazione della transizione fatta dai dilettanti politici allo sbaraglio occidentali.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal