attualita' posted by

LA SLOVENIA HA FATTO LE RIFORME E ORA CRESCE!….SI..MA GRAZIE ALLA SPESA A DEFICIT !….CAPITO SALSICCIAIO?

Salsicciaio, scuotiti dalla tua dorata mediocrità e prendi esempio dagli sloveni.

Negli ultimi anni, a fronte della crisi del 2008, la Slovenia si è confrontata con una catena di fallimenti di imprese e con una crescente percentuale di crediti collaterali inesigibili. La strategia di politica economica europea, basata su consolidamento fiscale, risanamento sistema bancario, privatizzazioni e riforme strutturali, è stato messo da parte dal  Governo sloveno che ha invece difeso l’esigenza di salvaguardare il welfare.

Sul piano delle riforme, a maggio 2013 è stato introdotto il pareggio di bilancio a partire dal 2015, norme restrittive per il referendum abrogativo che non potrà riguardare leggi tributarie e di bilancio, la legislazione fallimentare aziendale e la legge sugli aiuti di Stato. Ulteriori interventi saranno effettuati per adeguare alle nuove condizioni il mercato del lavoro e per assicurare la sostenibilità del regime pensionistico (“congelato” fino al 2015).

Intanto però, se la Slovenia è cresciuta e ha salvaguardato il welfare a cosa lo deve? Al classico e sempre valido

 

DEFICIT DI BILANCIO:

SLOVENIA BUDGET

 

questo è il trend del rapporto DEBITO/PIL:

SLOVENIA DEBITO

 

e questo è il risultato sul PIL DELLA NAZIONE:

SLOVENIA PIL

 

Che ne dici SALSICCIAIO, avrai gli attributi per dimostrare al mondo che non sei un semplice burattino che ha venduto la pelle dei propri compaesani in cambio di un prestigioso ma vuoto ruolo di immagine?

O ti limiterai a godere dei privilegi dati dalla tua dorata prigione, chiuso nella tua splendida mediocrità?

 

Rammenta la Divina Commedia:

 

 

Inferno – Canto trentaduesimo: L’Antenora: Bocca degli Abati – vv. 70-123

Dante: “Chi sei tu lanci questi insulti così?”
Dannato: “E tu chi sei, che vai per l’Antenora picchiando le gote degli altri, che se (io? tu?) fossi stato vivo sarebbe stato troppo?” 
Dante: “Vivo sono io, e questo potrebbe giovarti se chiedi fama, perché potrei scrivere il tuo nome nel mio racconto”
Dannato: “Io voglio il contrario, levati quindi di torno e non mi infastidire più, che non sai davvero come si lusinga da queste parti!”
Dante, afferrando il dannato per i capelli della collottola: “Ti converrà dire il tuo nome, se vuoi che ti rimangano capelli in testa”
Dannato: “Per quanto tu mi strappi i capelli non ti dirò chi sono io, nemmeno se per mille volte mi piombi (tomi) sul capo con tutto il tuo peso!”

Allora Dante nel pieno del suo sdegno questa volta violento gli strappa più d’una ciocca di capelli mentre il dannato urlava come un cane (latrando) con la faccia rivolta in basso.

Allora un altro traditore parla chiedendo che avesse Bocca da strillare tanto: “Che non ti basta il solito batter dei denti? Chi diavolo hai?”.

Dante allora ha avuto conferma del suo sospetto e lascia il traditore intimandogli di tacere ora, perché il ricordo della sua onta sarà rivelato.

Gustave_Dore_Inferno32 dante incontra Bocca degli Abati

 

(Dante incontra Bocca degli Abati – Canto XXXII – Illustrazione di Paul Gustave Doré)

 

Bocca degli Abati, questo è il nome completo del dannato, non tace, anzi, adesso che è stato tradito da un traditore come lui, si affretta a nominare quanti più altri possibili, in modo che anche essi subiscano la vergogna del loro riprovevole peccato: “Vattene pure e racconta quello che ti pare; ma se davvero uscirai di qui non tacere anche di quello che ebbe la lingua così pronta: lui è Buoso da Duera, che piange per il denaro ottenuto dai francesi, e potrai ben dire che l’hai visto là dove i peccator stanno freschi. E se ti domandassero ‘poi chi altri c’era?’ tu sei accanto a Tesauto Beccaria, al quale Firenze segò il collo. Più in là credo ci sia Gianni de’ Soldanieri con Ganellone e Tebaldello, che aprì le porte di Faenza quando tutti dormivano.”

 

Ricordati, oh Salsicciaio, ai traditori della Patria Dante Riserva la seconda zona del nono cerchio (Inferno)!

GUSTI E IL PROF 2

Maurizio Gustinicchi

Economia5Stelle

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog