Seguici su

Attualità

Semiconduttori e Cina: in risposta alle sanzioni USA le società cercano capitali sul mercato, con l’aiuto del governo

Pubblicato

il

 

L’industria cinese dei semiconduttori, colpita dalle sanzioni, è pronta a ricevere un’ancora di salvezza molto necessaria attraverso il capitale raccolto da nuove quotazioni pubbliche e fondi comuni di investimento, secondo gli ultimi dati relativi al mercato azionario e ai finanziamenti, mentre Pechino raddoppia la spinta all’autosufficienza del Paese in materia di chip in presenza di restrizioni commerciali statunitensi più severe.
Questo mese sono state approvate le richieste di offerta pubblica iniziale (IPO) di nove società legate alla catena logistica dei semiconduttori in Cina, tra cui sei società di progettazione di circuiti integrati (IC), un’azienda di confezionamento di chip, una produttrice di wafer e un fornitore di materiali di confezionamento, secondo quanto riportato dai documenti della borsa valori nazionale. Si prevede che queste IPO raccoglieranno un totale di 21,6 miliardi di yuan (3 miliardi di dollari) dagli investitori.
La produttrice di wafer al silicio che sta per essere quotata in borsa è la Semiconductor Manufacturing Electronics (Shaoxing) Corp, affiliata al più grande e avanzato produttore di chip del Paese, la Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC). Nello stesso mese dell’anno scorso erano state approvate solo sette IPO legate ai chip.
Le ultime approvazioni di IPO arrivano dopo il via libera ricevuto all’inizio del mese da Hua Hong Semiconductor, quotato a Hong Kong e secondo produttore cinese di chip, per la sua quotazione di 2,5 miliardi di dollari presso il Science and Technology Innovation Board di Shanghai, noto anche come Star Market.

“Queste attività di IPO sono state costanti per quanto riguarda le dimensioni delle transazioni negli ultimi trimestri, e altre sono in arrivo”, ha dichiarato Gary Ng, economista senior per l’Asia-Pacifico della banca d’investimento francese Natixis. “Un maggior numero di IPO consentirà ai produttori di chip cinesi di accedere facilmente al capitale e di impiegare maggiori risorse per la ricerca e lo sviluppo”. Ng ha indicato che la ricerca e lo sviluppo nel settore comporterà “un processo complicato e lungo, ma è importante per contrastare le restrizioni statunitensi”.


Nei primi 11 mesi di quest’anno, 46 aziende legate ai semiconduttori che si occupano di progettazione, produzione, componenti e materiali sono state quotate in borsa sul mercato Star, rispetto alle 19 aziende dello stesso periodo dell’anno precedente, secondo il servizio cinese di dati societari Qichacha.
Un aumento del capitale viene raccolto anche dalle società di gestione dei fondi cinesi, che hanno lanciato diversi fondi legati ai semiconduttori per convogliare il denaro degli investitori al dettaglio verso i titoli dei chip.
ICBC Credit Suisse Asset Management – una joint venture tra la statale Industrial and Commercial Bank of China, il più grande istituto di credito commerciale al mondo per asset, e la 166enne banca d’investimento svizzera Credit Suisse – ha lanciato la scorsa settimana un nuovo fondo che ha come benchmark l’indice dei titoli dei chip della Cina continentale.
Tutti questi afflussi di nuovi investimenti riflettono un’opportunità per l’industria cinese dei semiconduttori di far fronte alle ultime restrizioni commerciali degli Stati Uniti e all’accresciuto controllo di Washington sulle aziende che fanno parte della catena di fornitura di chip del Paese.

Il 7 ottobre, il Bureau of Industry and Security (BIS), un’agenzia del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, ha implementato aggiornamenti che limitano ulteriormente la capacità della Cina di ottenere chip di calcolo avanzati, sviluppare e mantenere supercomputer e produrre semiconduttori avanzati utilizzati in applicazioni militari, comprese le armi di distruzione di massa.
Ciò ha fatto seguito alla direttiva di Washington che, a settembre, ha impedito a Nvidia e Advanced Micro Devices di fornire i loro chip all’avanguardia ai clienti in Cina. In agosto, l’amministrazione Biden ha promulgato il Chips and Science Act per incrementare le capacità di produzione di circuiti integrati in America.

Da quando è stato vietato l’uso dei chip negli Stati Uniti, il mercato dei capitali secondari cinese per le aziende di semiconduttori è stato guidato dal “patriottismo” e dal potenziale sostegno del governo… invece che dal ciclo tecnologico a breve termine”, ha affermato Ng, economista di Natixis. Ha citato come esempio le azioni della SMIC, società a doppio listino, che sono scese dello 0,9% a Hong Kong ma hanno guadagnato l’8% a Shanghai dall’inizio di ottobre. Però c’è un problema a livello di indice settoriale tecnologico: l’indice dei chip dello Star Market (il NASDAQ cinese), che comprende le 50 principali società di semiconduttori del Paese, è sceso del 27% da un anno all’altro al 24 novembre, secondo i dati della società statale Chin


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito