attualita' posted by

Segnali confusi dagli USA: PIL ottimo, occupazione meno

Oggi infornata di informazioni sull’economia (e la politica)  USA. Sulla politica il fallimento del vertice vietnamita fra Kim e Donald rinvia la possibilità per entrambi di portare a casa un grosso risultato politico (e per Kim anche economico), concludendosi in uno stallo e rinviando ad un tempo futuro il momento decisivo. Risulta strano che non vi sia stato un lavoro di Sherpa a monte in grado di far giungere all’incontro con tutto già preparato.

Passiamo ora ai dati, sul PIL e sulle richieste di sussidi di disoccupazione. Sul PIL dati positivi, più delle attese:

La crescita anche se in calo rispetto al mese precedente è comunque superiore al 2,4% delle attese e facendo si che la crescita su base annua raggiunga un valore record dal 2005:

Un ottimo risultato che però viene leggermente oscurato da due numeri meno positivi. Prima di tutto i consumi personali destagionalizzati si sono rivelati in leggero ribasso, segno che un ciclo sembra essere cambiato:

Quindi anche le richieste per i sussidi di disoccupazione sono aumentati di 8 mila unità a 225 mila, , contro un valore atteso di 220 mila. Un valore leggermente superiore alle attese che può segnalare un calo degli inattivi o un leggero rallentamento dell’economia :

Che farà la FED? I dati sono leggermente contrastanti ed il discorso di Powell a mercati chiusi, in piena notte per l’Italia sarà molto importante per capire se le tendenze da colomba di dicembre proseguono.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi