attualita' posted by

QUESTA E’ L’INFORMAZIONE MAINSTREAM ITALIANA: PEGGIO DEL LETAME

 

Cari amici

un detto popolare dice che “Dal letame nascono i fiori, dai diamanti non nasce nulla”. Partendo da questa definizioni possiamo tranquillamente affermare che l’informazione mainstream italiana è peggio del letame, perchè non genera fiori, ma solo bufale.

Prendiamo questa notizia comparsa sul “Quotidiano” della famiglia Agnelli “La Stampa”

Potete leggervi l’articolo. Bene dove sono le prove di questi “Finanziamenti”?? In un report che è stato compilato dai Democratici al Congresso USA, cioè, più o meno, come se chiedessimo al Consiglio Federale della Lega Nord di pronunciarsi sui legami fra Soros ed il Partito Democratico, con la differenza che, se facessimo questa domanda, probabilmente il il direttivo di Salvini porterebbe qualche prova in più anche grazie a WikiLeaks.

Penserete che anche il report del partito democratico abbia delle prove. Bene , vediamo quali:

Alcuni di questi partiti sono forti sostenitori della politica estera favorevole al Cremlino, e hanno fatto un uso esteso delle fake news e le teorie cospirative nelle loro campagne mediatiche, spesso prendendole dai media di stato russi. Con le elezioni in arrivo nel 2018, l’Italia potrebbe essere un target per l’interferenza elettorale del Cremlino, che probabilmente cercherà di promuovere i partiti contrari a rinnovare le sanzioni europea per l’aggressione russa in Ucraina.”

Tutto qui ? Cioè, teoricamente (perchè non ci sono prove), i russi appoggerebbero chi è più vicino alle loro posizioni. Wow, questa si che è una grande notizia, perchè invece gli USA, per spirito di democrazia, di solito appoggiano i propri avversari. Per non parlare di Macron e delle sue intollerabili intromissioni nella politica italiana.  Andiamo avanti:

 

Il testo sottolinea che il Movimento 5 Stelle vuole la fine di queste misure, propone di normalizzare le relazioni col dittatore siriano Assad, si oppone alla partecipazione dell’Italia alle esercitazioni Nato, e ha chiesto un referendum sulla permanenza di Roma nell’euro.

Quindi se un partito, in questo caso i 5 Stelle ritenga che le sanzioni danneggino l’Italia, allora , è al servizio della Russia. Quindi solo la servitù totale ad una parte è un bene per l’Italia …..

Mentre non ci sono prove conosciute – prosegue il rapporto – che M5S abbia ricevuto fondi da fonti legate al Cremlino, un funzionario della sicurezza italiana ha detto a Business Insider che “alcuni dei nostri partiti sono vulnerabili alle infiltrazioni. Non hanno l’esperienza, gli anticorpi, per contrastare servizi di intelligence così formidabili”

Interessante. Quali sarebbero questi “Anticorpi”, forse agenti di altre parti in grado di influenzare ed informare ?

Finiamo il tutto con una notà ilare :

Il testo nota che «le compagnie statali russe dell’energia esercitano anche influenza attraverso l’Eni, che è partner di Gazprom nell’oleodotto Nord Stream 2», e preferisce il gas di Mosca a quello algerino. Il documento denuncia che una sussidiaria dell’Eni ha organizzato una conferenza presso una think tank italiana su richiesta di Gazprom, senza che i partecipanti lo sapessero, per sostenere che il Cremlino «può essere un alleato importante per la Ue»

Che dire , questa si che è una grandissima informazione: la Lega Nord ed il Movimento 5 stelle controllano l’ENI. Non il governo, non la maggioranza, ma l’opposizione è alla guida dell’ENI.

Insomma un pessimo articolo, senza una prova, senza un dato, basato solo su “Voci” di parte, generiche e banali. Nesun dato non un nome, solo “Forese “, “Potrebbe” etc etc. Cosa fa  l’informazione italiana ? Ingozza il pesce marcio tutto intero , come un cormorano. Lo stesso pesce marcio che la TV sforna per i vostri cervelli ogni giorno.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog