Seguici su

Attualità

Problemi di sicurezza: Taiwan fa riparare componenti essenziali dei propri missili…. in Cina

Pubblicato

il

Con una gaffe incredibile Taiwan ha inviato un componente high tech essenziale di un proprio sistema missilistico fondamentale a riparare dal suo avversario, la Cina popolare, mostrando come i collegamenti fra i due mondi siano talmente stretti da non essere facilmente divisibili.
Gli esperti hanno inoltre evidenziato il rischio per la sicurezza che Taiwan corre facendo affidamento sulle catene di approvvigionamento logistico globali e l’importanza fondamentale che l’isola deve attribuire alla sicurezza dei suoi contratti militari altamente sensibili e degli accordi di outsourcing.

La principale unità di ricerca militare di Taiwan ha recentemente confermato che un teodolite, uno strumento ottico di precisione utilizzato per le misurazioni di lancio del missile antinave Hsiung-Feng III dell’isola, è stato spedito al produttore svizzero Leica per essere riparato.
Tuttavia, il dispositivo, che era stato acquistato dal National Chung-Shan Institute of Science and Technology (NCSIST) – il principale produttore di armi dell’isola – da Leica nel 2021, è stato riportato a Taiwan dalla provincia cinese orientale di Shandong. L’azienda svizzera lo aveva fatto riparare in Cina!
L’incidente, riportato per la prima volta dai media locali il 4 gennaio, ha allarmato l’opinione pubblica e sollevato preoccupazioni su una possibile violazione dei dati e sui rischi per la sicurezza dell’isola.
L’NCSIST ha dichiarato di aver chiesto all’agente di vendita di inviare il dispositivo all’azienda svizzera per le riparazioni, ma di non avere idea del motivo per cui sia stato rispedito da un aeroporto dello Shandong.

“Al momento della firma del contratto, perché il NCSIST non ha insistito sul fatto che i dispositivi acquistati da Leica devono essere riparati solo in Svizzera… e perché il dispositivo è stato inviato a Shandong senza che il NCSIST ne fosse a conoscenza?”, ha chiesto Charles I-hsin Chen, un legislatore del principale partito di opposizione di Taiwan, il Kuomintang.

Ha dichiarato che è “incredibile che l’NCSIST sia stato completamente all’oscuro quando il dispositivo è stato inviato alla Cina continentale per le riparazioni”.
L’NCSIST ha poi rivelato che Leica aveva un centro di manutenzione regionale nella città di Qingdao e che il dispositivo era stato inviato in quella sede per motivi logistici.
In una dichiarazione del 4 gennaio, l’NCSIST ha affermato di aver “eseguito immediatamente un controllo di sicurezza delle informazioni sull’apparecchiatura e di essersi assicurato che non fosse stato installato alcun malware, eliminando così di fatto i problemi di sicurezza”, aggiungendo di aver rimosso la scheda di memoria dal teodolite prima di inviarlo per la riparazione.
Il NCSIST ha inoltre dichiarato che sta studiando misure per garantire che in futuro altre apparecchiature militari sensibili non vengano inviate alla Cina continentale per la manutenzione.

Ma anche se, secondo l’NCSIST, non sembra esserci stata alcuna violazione dei dati, l’errore ha messo in evidenza i discutibili controlli che il produttore di armi ha sui suoi appaltatori, nonché la necessità di avere un’agenzia indipendente che sorvegli i rischi per la sicurezza che le catene di fornitura globali potrebbero rappresentare per l’isola, secondo gli esperti.
“Anche se non c’è stata alcuna violazione dei dati, questo non nasconde il fatto che l’arma è stata inviata alla terraferma per le riparazioni”, ha dichiarato il generale maggiore dell’esercito in pensione Yu Pei-chen. Questo dimostra una grave negligenza da parte dell’NCSIST nel monitorare le riparazioni all’estero dei suoi dispositivi”, ha aggiunto.

Appare evidente come anche affidarsi a fornitori solo occidentali non mette al sicuro dalle mani della Cina, quando questi fornitori fanno poi affidamento a reti logistiche e di assistenza cinesi. A questo punto c’è da chiedersi quanto Taiwan potrà fare affidamento in futuro su componentistica degli alleati, se neppure gli alleati occidentali possono controllare i propri prodotti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito