Seguici su

Attualità

Prezzo delle petroliere in crescita alla vigilia dello stop al petrolio russo

Pubblicato

il

 

L’aumento delle tariffe delle navi cisterna sta pesando sul commercio del greggio, appena due settimane prima della rivoluzione sugli scambi di petrolio sul mercato internazionale, cioè l’embargo dell’UE sulle importazioni di greggio russo e il relativo tetto di prezzo sul petrolio russo.

Lunedì scorso, i guadagni sulla rotta di scambio del greggio di riferimento hanno raggiunto i 100.000 dollari al giorno, secondo le stime di Bloomberg. Si tratta della tariffa più alta per le petroliere dall’inizio del 2020, poco prima che Covid riducesse la domanda globale di petrolio. Ecco da hellenicshippindnews alcuni indici relativi

Il costo molto più elevato del trasporto di greggio quest’anno è il risultato dei viaggi più lunghi che molte petroliere stanno facendo a causa delle sanzioni dell’UE sulle esportazioni russe. I carichi di petrolio russo provenienti dai porti baltici in Russia viaggiano ora per mesi per tornare in Asia – ora il principale mercato di esportazione di Mosca – invece di una sola settimana da un porto baltico russo a Rotterdam nei Paesi Bassi.

Il calo dei premi sui prezzi spot di vari greggi, tuttavia, potrebbe compensare alcuni degli alti costi di spedizione, hanno dichiarato gli operatori a Bloomberg.

L’impennata dei noli aggiunge un ulteriore livello di incertezza per gli acquirenti di greggio, oltre all’embargo dell’UE e al tetto dei prezzi che entreranno in vigore il 5 dicembre. Dopo tale data, il petrolio russo dovrà essere venduto a un prezzo pari o inferiore a una determinata soglia – ancora da annunciare – altrimenti il carico non potrà usufruire dei servizi di trasporto marittimo occidentali, compresi i finanziamenti e le assicurazioni.

Secondo alcuni analisti, non ci sono abbastanza navi cisterna non occidentali disponibili per trasportare gli attuali volumi di petrolio russo sui mercati. Tuttavia, altri analisti notano un aumento degli acquisti di navi da parte di entità sconosciute nelle ultime settimane, in preparazione di ciò che ritengono sia l’imitazione da parte della Russia delle tattiche di esportazione di petrolio dell’Iran e del Venezuela, che da anni esportano il loro greggio sottotraccia dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato le loro esportazioni di petrolio rispettivamente nel 2018 e nel 2019.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito