attualita' posted by

PIL del Regno Unito: crollo drammatico nel secondo trimestre, ma le incognite sono sul terzo

Come tutti i paesi occidentali il Regno Unito ha subito un crollo drammatico del PIL nel secondo trimestre, anche se leggermente meglio delle previsioni di un -20,4%.

Il -19,8% è comunque una cifra che  raramente si è vista nella storia britannica. Dal 1960 non ci sono state cadute del PIL a doppia cifra, tanto per essere chiari. Anche quello annuo è stato seccamente colpito.  Il dato annuo, con -21,5%, non poteva che riflettere quello trimestrale

Gli investimenti fissi lordi sono diminuiti meno di quanto inizialmente previsto (-21,6% contro -25,5%), mentre sia i consumi delle famiglie (-23,6% contro -23,1%) che la spesa pubblica (-14,6% contro -14%) sono calati di più. I consumi privati hanno rappresentato più di tre quarti del calo del PIL, riflettendo l’attuazione delle restrizioni di salute pubblica, le chiusure obbligatorie di negozi non essenziali e forme di allontanamento sociale. La domanda estera netta ha contribuito positivamente poiché le importazioni (-22,7%) sono diminuite più delle esportazioni (-11%), facendo si che il saldo netto della bilancia commerciale migliorasse, nonostante tutto.

Il problema del Regno Unito è però il futuro. Il terzo trimestre prevedeva un forte rimbalzo, con  un +14%, come indicato dagli analisti:

Dobbiamo chiederci però a questo punto, quanto questo dato possa essere realistico nell’ottica di una nuova ondata di Lockdown, che sta imponendosi nel Regno Unito a causa della seconda ondata di Covid-19. Se questa crescita fosse non consistente avremmo un  dato a fine anno veramente da paura, e , soprattutto, vedremmo un’esplosione mai vista nella disoccupazione con la crescita delle tensioni sociali e razziali mai completamente scomparse. Come sarà possibile riportare l’economia su un cammino di crescita stabile?

Questa sarà la vera sfida di Boris Johnson una volta risolto il problema Brexit.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito