attualita' posted by

Per favorire una ripresa rapida riaprire a “blocchi”

Quando parzialmente diminuirà l’emergenza sanitaria (dopo il 3 aprile?) bisogna il prima possibile riaprire le attività per contenere il danno mostruoso che l’economia Italiana sta subendo in questi giorni; ma è impensabile attendere che in tutta Italia i contagi siano totalmente azzerati!

Una proposta potrebbe essere quella di riaprire le zone o “blocchi” (termine che mi riporta alla metodologia utilizzata in Cina) che non hanno più contagi da un tot. di giorni (7 giorni?) o solo alcuni ma circoscritti  ovviamente con le dovute precauzioni.

L’istituzione di queste “green zone” consentirà ai cittadini all’interno delle stesse di muoversi e lavorare liberamente ma dovrà impedire rapporti e accessi con le zone rosse ancora in essere (evitando dunque contagi di ritorno).

Faccio un esempio: la ex zona di Codogno o paesi limitrofi se da diversi giorni non sviluppasse più nessun contagio va riaperta! e idem Vò Euganeo… e via dicendo

Quindi non sarebbe nemmeno il caso di ragionare sulle riaperture solo interamente per una  Regione o Provincia ma anche per i singoli comuni.

Mi auguro ovviamente che tutta questa situazione possa risolversi il prima possibile!

Dario Polini


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed