attualita' posted by

Ops: Omicron infetta più i vaccinati che i non vaccinati

 

 

Un team danese di ricercatori ha scoperto che la variante Omicron elude l’immunità degli individui vaccinati a un ritmo molto più veloce rispetto a Delta e a un tasso più elevato rispetto ai non vaccinati, secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen.

Paragonando le famiglie infette da Omicron a Delta VOC (VOC, variante rilevante) abbiamo riscontrato un SAR (Secondary attack rate, tasso di infettivitá) 1,17 volte superiore per i non vaccinati, 2,61 volte superiore per i soggetti completamente vaccinati e 3,66 volte superiore per gli individui vaccinati di richiamo, dimostrando una forte evidenza di evasività immunitaria del VOC Omicron“, ha affermato. la pre edizione dello studio.

Tuttavia, lo studio ha anche scoperto che gli individui non vaccinati diffondono il virus più facilmente di quelli che sono completamente vaccinati, mentre la trasmissione è stata ridotta tra le persone che hanno ricevuto colpi di richiamo.

C’erano complessivamente 11.937 famiglie coinvolte nello studio, di cui 2.225 avevano già Omicron. Dopo uno a 7 giorni, il team ha seguito le famiglie e ha trovato 6.397 infezioni secondarie. Il SAR è risultato essere del 31 percento con l’Omicron e del 21 percento con la variante Delta.

Omicron si è diffuso in 90 paesi in tutto il mondo ed è diventato la variante dominante negli Stati Uniti. Tuttavia, il ceppo ha dimostrato di causare sintomi lievi rispetto alle varianti precedenti come Delta e si traduce in un minor numero di ricoveri.

È stato segnalato che l’Omicron VOC (variante rilevante) è da tre a sei volte più infettivo delle varianti precedenti, con un breve tempo di raddoppio, comprese le prime stime da paesi con un’elevata copertura vaccinale che indicano tempi di raddoppio di 1,8 giorni (Regno Unito), 1,6 giorni (Danimarca), 2,4 giorni (Scozia) e 2,0 giorni (Stati Uniti)” dallo studio.

I ricercatori hanno anche suggerito di considerare metodi alternativi per combattere l’infezione. “I nostri dati indicano che è probabile che gli interventi non farmaceutici utilizzati per controllare le precedenti varianti di SARS-CoV-2 siano efficaci anche contro l’Omicron VOC“.

Il settantotto percento dei cittadini danesi è completamente vaccinato con due dosi, mentre quasi la metà ha ricevuto una vaccinazione di richiamo. Oltre l’80% ha ricevuto il vaccino di Pfizer-BioNTech.

L’efficacia dei vaccini è ridotta a circa il 40% per i sintomi e all’80% per le malattie gravi con la variante Omicron. I numeri erano migliori con il richiamo poiché l’efficacia era ridotta solo all’86 percento per i sintomi e rispettivamente al 98 percento per coloro che soffrivano di gravi infezioni.

L’efficacia della vaccinazione con Pfizer-Biotech per prevenire l’infezione con la variante Omicron è solo del 35 percento, secondo lo studio. “Il vantaggio dell’Omicron VOC sembra essere una combinazione di alta trasmissibilità e maggiori capacità di elusione immunitaria“.

Pertanto suggeriamo che potrebbero essere necessari vaccini adattati o migliorati per mitigare la diffusione dell’Omicron VOC“.

Il team danese ha aggiunto che sono necessari ulteriori studi per comprendere l’ultima variante di COVID-19, poiché ha concluso: “I nostri risultati confermano che la vaccinazione di richiamo ha il potenziale per ridurre la trasmissione di Omicron VOC nelle famiglie, sebbene la vaccinazione come strategia per il controllo dell’epidemia sia sempre più sfidato dall’evasività immunitaria dell’Omicron VOC.”


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal