attualita' posted by

OGGI LE CHIMICHE

Assad ha bombardato con armi chimiche un’enclave di ribelli in Siria. No, i ribelli conservavano delle armi chimiche

in un deposito e i missili di Assad lo hanno centrato per sbaglio. No, le armi chimiche non c’entrano proprio, si tratta

di un false flag per costringere Trump a cambiare la sua politica in Siria e a sbarazzarsi del dittatore. No, l’attacco

non c’è neppure stato. No, l’attacco c’è stato ma non ce la raccontano giusta. Quelle appena sciorinate sono solo

alcune delle miriadi di ipotesi germogliate dal basso nell’immediatezza dei fatti di Khan Sheikhun. E ci confermano

tre paradossi irrisolvibili della post modernità. Primo: non abbiamo più alcun criterio per stabilire cosa sia vero o

meno e quindi, a prescindere dall’onestà intellettuale e dall’obbiettività di giudizio con cui vogliamo approcciare

qualsiasi evento, molto semplicemente non verremo mai a capo di nulla. La verità, intesa come corrispondenza di

quanto ci viene narrato rispetto ai fatti realmente accaduti, non esiste più (se mai è esistita). Essa si è frammentata in

un caleidoscopio di verosimiglianze, tutte ugualmente plausibili, tutte parimenti smentibili, tutte veicolate da una

pluralità apparente di fonti portatrici di interessi talvolta inconfessati, spesso inconfessabili. Nella desertificazione

conseguente di punti di riferimento, è ancora possibile formarsi un’idea basata su dati sensibilmente credibili? La

risposta è ancora no. Possiamo solo andare a tentoni, come gli orbi appresso ai ciechi del celebre dipinto di Pieter

Bruegel. E, quindi, usare la più antica risorsa in dotazione all’essere umano (il buon senso raziocinante) per cercare

di districarci nella Babilonia del non probabile. Ponendoci quesiti elementari, su episodi da ‘Oggi le comiche’. Tipo:

ha senso che i soccorritori delle vittime di un attacco chimico prestino aiuto alle medesime protetti da mascherine da

vigile urbano nell’ora di punta? Ha senso che l’ultra-cattivo-pericolo-pubblico-numero-uno Bashar al-Assad

impieghi del gas nervino per  ammazzare settanta ribelli tranquillamente liquidabili con una civilissima bomba a

grappolo? In ogni caso, la fioca, semi indistinguibile luce per orientarsi non arriva da fuori, ma da dentro di noi. E

tutto questo – paradosso numero due – nell’era più mediaticamente e capillarmente ‘informata’ di sempre.  Tuttavia

– paradosso numero tre – c’è un settore, almeno uno, che sembra non attraversato dal minimo dubbio. Parliamo dei

media di massa e delle istituzioni politiche del cosiddetto Occidente libero e democratico. Quelli là, dubbi mai. Un

secondo dopo il fatto, non solo hanno già impacchettato la notizia, ma i loro speaker tutti-uguali-impettiti-come-

mezzibusti-sempre-in-piedi la stanno già veicolando in un infinito gioco di specchi e di rimandi dove l’ambiguità

scompare inghiottita dalla solare verità. Alla quale, poi, i leader politici danno altrettanto risalto per trarne decisioni

conseguenti e coerenti a un’agenda già fissata da un pezzo. Alla fine ti resta una sola certezza:  se i nemici della

democrazia sparano anche armi chimiche, i suoi amici sparano solo cazzate.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog