attualita' posted by

NEI COLLEGE AMERICANI SI STABILISCE IL DIRITTO ALLA STUPIDITA’. L’ITALIA SEGUE A RUOTA

 

Il “Politically Correct” sta raggiungendo nuovi apogei. Ricordatevi che quando sentite una scemenza sinistrorsa in Italia , questa è stata quasi sicuramente prodotta dai circoli di pseudointellettuali privilegiati che investano alcune istituzioni culturali USA. Quindi, a scopo preventivo, vi  presentiamo alcune delle più recenti idee luminose partorite da questi consessi.

L’ultimo è l’intelligenza. Se siete intelligenti dovete considerarvi dei privilegiati…. Non ci credete ? Leggete questo link  http://daily-iowan.com/2017/07/25/williams-what-is-privilege-and-what-do-we-do-with-it/

Un breve estratto

Ci sono molti tipi di privilegio oltre l’essere bianco: il privilegio cognitivo ad esempio. Tutti noi sappiamo che l’intelligenza non è qualcosa su cui si abbia un controllo, ma qualcosa con cui si nasce. Noi viviamo in una società in cui sempre di più il successo è legato all’intelligenza personale”

Al di la’ della facile ironia che può sorgere pensando al livelli intellettivo di molte persone di successo e ministri in Italia, vi faccio notare come la correttezza politica stia giungendo all’assurdo per cui essere intelligenti, fatto che è innato, ma è anche frutto dello studio e della pratica, venga ad essere un “Privilegio” . L’articolo prosegue affermando che le persone intelligenti non dovrebbero veramente sentirsi in colpa, con una vergogna di tipo “Cattolico”, ma essere almeno più comprensivi verso gli altri, meno intelligenti e quindi di minor successo.

Ci sarebbe molto da dire sul fatto che la vera intelligenza si esplica anche nei rapporti umani, ma rendiamoci conto che se l’intelligenza diviene non un obiettivo comune, ma una sorta di privilegio razziale, allora stiamo avvicinando al “Farheneit 451” di Bradbury, in cui i libri vengono distrutti e la società non capisce di dirigersi verso la propria fine.

Se pensate che questo sia un caso unico, in un articolo comparso su Zerohedge si parla del corso in Data Management del professor Watson presso l’università della Georgia. A causa dei problemi causati dallo stress

ciascuno è libero di scegliersi il livello di studio, gli esami sono fatti a libro e computer aperti, e perfino i lavori di gruppo, in quanto stressanti , possono essere evitati. Il professore farà solo commenti positivi, per non scoraggiarli.  In fondo il desiderio di istruirsi è un fatto personale, ma allora a che serve l’università ??

In Italia invece il ministero della D-Istruzione ha deciso che, in fondo, bastano quattro anni per diplomarsi. Hanno ragione, lo studio, alla fine, è un fatto personale…. Però allora cosa ci sta a fare la Fedeli ??

 

 

 

e.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog