Seguici su

Attualità

L’Olanda fa il passo finale: pronta a inviare i caccia F16 all’Ucraina

Pubblicato

il

Spesso si è affermato che il passo finale della fornitura di armi all’Ucriana sarebbe stato l’invio di caccia occidentali. Ora qualcuno è pronto a fare anche questa mossa. Il governo olandese ha dichiarato di essere pronto a considerare la consegna di caccia F-16 all’Ucraina con una “mente aperta”. Questa posizione è stata espressa dal Ministro degli Esteri olandese Wopke Hoekstra il 19 gennaio 2022, un giorno prima di una riunione del Gruppo di contatto sulla difesa dell’Ucraina guidato dagli Stati Uniti a Ramstein, in Germania.

Hoekstra ha aggiunto che non ci sono “tabù” per le autorità olandesi riguardo alla consegna di equipaggiamenti all’Ucraina, ha riferito il media locale RTL Nieuws.

La Koninklijke Luchtmacht (reale forza aerea olandese) sta attualmente eliminando il suo contingente di caccia F-16A, sostituendoli progressivamente con 52 caccia stealth F-35A. 12 F-16 olandesi sono già stati venduti a Draken International, una società privata con sede negli Stati Uniti che si occupa di addestramento realistico dei piloti di caccia e che li utilizzerà in combattimenti realistici contro i piloti USA. Però i Paesi Bassi avevano costruito o acquistato ben 102 caccia delle serie iniziali degli F16 che poi avevano avuto aggiornamenti nel tempo. Quindi ci sono ancora potenzialmente almeno un’ottantina di caccia da poter cedere all’Ucraina.

Dall’inizio dell’invasione del loro Paese da parte della Russia, i leader ucraini hanno chiesto alle nazioni occidentali di fornire loro moderni aerei da guerra.

La consegna degli F-16 sarebbe senza dubbio soggetta all’approvazione degli Stati Uniti, il loro Paese di produzione. Sebbene l’amministrazione Biden fosse inizialmente riluttante, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha stanziato 100 milioni di dollari per addestrare i piloti ucraini a pilotare gli aerei da combattimento statunitensi nel luglio 2022. Quindi gli USA pagherebbero per l’addestramento dei piloti che poi dovrebbero volare sui caccia dei Paesi Bassi? Apparentemente si, ma comunque i tempi sono lunghi perché comprendono anche l’addestramento del personale tecnico a terra. Se, in teoria, un pilota potrebbe essere addestrato in sei settimane (e magaari è già in corso di addestramento negli USA) ci vogliono 25 operatori a terra per la manutenzione per ogni caccia, e 16 ore di interventi tecnici ogni ora di volo, e questo aumenta in una situazione di reale combattimento. Quindi, anche se domani l’Ucraina chiedesse i caccia e gli USA dessero il via libera, si tratterebbe di un processo lungo e complesso, ininfluente nel breve periodo.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito