attualita' posted by

L’incidente Kyūjō, ovvero quando un gruppo di militari giapponesi cercò di far continuare la guerra mondiale

Hatanaka e Anami

 

Alcuni giorni fa lessi su Il Giornale che in realtà le bombe atomiche potevano essere evitate perché il Giappone aveva già chiesto la pace nel 1945. Un parere parzialmente vero: il Giappone aveva offerto la pace dal gennaio 1945, ma una pace condizionale, mentre le potenze alleate volevano una resa senza condizioni, come quella già imposta all’Italia, con modalità più generose, e poi duramente alla Germania. Il Giappone invece decise di aderire alle condizioni imposte dagli alleati e confermate dalla dichiarazione dei Postdam solo dopo lo sgancio della seconda atomica e, soprattutto, dopo la dichiarazione di guerra da parte dell’URSS e l’invasione dei territori dei satelliti giapponesi nel nord della Cina.

A quel punto non solo l’Imperatore Hirohito, ma anche l’intero Consiglio imperiale, presieduto dal primo ministro Suzuki, concordò che era necessario accettare le condizioni di Posdam e chiedere la pace durante una riunione nella notte del 10 agosto. A quel punto la decisione della resa fu  comunicata alle ambasciate in Svezia e in Svizzera affinché la comunicassero agli alleati.

Ora il Giappone, al contrario della Germania, era una monarchia costituzionale, anche se estremamente rigida e autoritaria, per cui si rispettavano i ruoli istituzionali. Nello stesso tempo il Ministero della Guerra era cosciente che la resa avrebbe causato un profondo scontento nell’esercito e numerosi ufficiali protestarono con il ministro  Korechika Anami, anche lui contrario alla pace, ma comunque fedele all’Imperatore e alle istituzioni, Il 12 agosto arrivò la risposta degli alleati che prevedeva che il potere delle autorità giapponesi e dello stesso Imperatore sarebbero state sottomesse rispetto a quella del comando alleato in Giappone  che si sarebbe creato dopo la guerra. Mentre il ministero degli Esteri interpretarono questa norma come una restrizione, ma non una cancellazione, della sovranità, i militari lo presero come una intollerabile sottomissione al limite dello schiavismo. Questo spinse un certo numero di ufficiali a studiare un colpo di stato che avrebbe fatto cadere il governo, preso il potere, isolato l’Imperatore e che avrebbe proseguito la guerra fino alle estreme conseguenze.

Quel giorno il maggiore  Kenji Hatanaka, con i tenenti colonnelli Masataka Ida, Masahiko Takeshita e Masao Inaba, e il colonnello Okikatsu Arao si recarono dal ministro della guerra  Korechika Anami per convincero a capeggiare un colpo di stato per rovesciare il governo. Il ministro, contrario alla pace, rifiutò di appoggiare quello che sarebbe stato comunque un tradimento del suo giuramento all’Imperatore, e rifiutò. Nell’ultima riunione di gabinetto fra il 13 e 14 agosto, quella che accettò la resa, Anami si disse contrario, ma nello stesso tempo i principali ufficiali dello stato maggiore affermarono che avrebbero obbedito agli ordini imperiali. A questo punto i congiurati dovevano agire.

Gli alleati volevano che la resa fosse annunciata ufficialmente a tutta la nazione da un discorso dell’Imperatore trasmesso dalla radio di stato NHK. Questo sarebbe stato l’atto definitivo con cui il governo accettava le condizioni di resa. Se il messaggio non fosse stato trasmesso non ci sarebbe stata la pace. L’Imperatore registrò il messaggio che rimase nel bunker della Reggia imperiale in attesa di essere trasmesso dalla radio.

Verso le 21:30 del 14 agosto, i ribelli di Hatanaka misero in atto il loro piano. Il Secondo Reggimento della  Guardia Imperiale era entrato nel parco del palazzo, raddoppiando la forza del battaglione già stanziato lì a guarda del Kyūjō, nome giapponese della costruzione che poi diede il nome al tentato colpo di stato.  Hatanaka, insieme al tenente colonnello Jirō Shiizaki, convinse il comandante del Secondo Reggimento, il colonnello Toyojirō Haga, della loro causa, dicendogli (in modo non veritiero) che Anami, Umezu e i comandanti dell’esercito del Distretto Orientale e delle Divisioni delle Guardie Imperiali erano tutti coinvolti nel piano. Hatanaka si recò anche nell’ufficio del generale Shizuichi Tanaka, comandante della regione orientale dell’esercito, per cercare di convincerlo a partecipare al colpo di stato. Tanaka rifiutò e ordinò ad Hatanaka di tornare a casa. Hatanaka ignorò l’ordine.

In origine, Hatanaka sperava che la semplice occupazione del palazzo e il mostrare l’inizio di una ribellione avrebbe ispirato il resto dell’esercito a sollevarsi contro la mossa di arrendersi. Questa idea lo guidò per gran parte degli ultimi giorni e delle ultime ore e gli diede il cieco ottimismo necessario per portare avanti il piano, nonostante lo scarso sostegno dei suoi superiori. Dopo aver sistemato tutti i pezzi in posizione, Hatanaka e i suoi cospiratori decisero che la Guardia avrebbe preso possesso del palazzo alle 02:00. Le ore fino a quel momento furono spese in continui tentativi di convincere i loro superiori nell’esercito a partecipare al colpo di stato. All’incirca alla stessa ora, il generale Anami si uccise, lasciando un messaggio che recitava: “Con la mia morte chiedo umilmente scusa all’Imperatore per il grande crimine”. Questo eliminò dalla scacchiera quello che Hatanaka considerava un

Poco dopo le 01:00, Hatanaka e i suoi uomini circondarono il palazzo. Hatanaka, Shiizaki, Ida e il capitano Shigetarō Uehara (dell’Accademia Aeronautica) si recarono nell’ufficio del tenente generale Takeshi Mori per chiedergli di partecipare al colpo di Stato. Mori era in riunione con suo cognato, Michinori Shiraishi. La collaborazione di Mori, in quanto comandante della 1a Divisione delle Guardie Imperiali, era fondamentale. Quando Mori si rifiutò di schierarsi con Hatanaka, Hatanaka lo uccise, temendo che Mori ordinasse alle Guardie di fermare la ribellione. Uehara uccise Shiraishi. Questi furono gli unici due omicidi della notte. Hatanaka utilizzò poi il timbro ufficiale del generale Mori per autorizzare l’Ordine Strategico n. 584 della Divisione delle Guardie Imperiali, un falso insieme di ordini creato dai suoi cospiratori, che avrebbe aumentato notevolmente la forza delle forze che occupavano il Palazzo Imperiale e il Ministero della Casa Imperiale, e che “proteggevano” l’imperatore.

La polizia di palazzo è stata disarmata e tutti gli ingressi sono stati bloccati. Nel corso della notte, i ribelli di Hatanaka hanno catturato e detenuto diciotto persone, tra cui il personale del Ministero e i lavoratori della NHK inviati a registrare il discorso di resa.

I ribelli, guidati da Hatanaka, trascorsero le ore successive alla ricerca infruttuosa del Ministro della Casa Imperiale Sōtarō Ishiwata, del Signore del Sigillo Privato Kōichi Kido e delle registrazioni del discorso di resa. I due uomini si nascondevano nel “caveau della banca”, una grande camera sotto il Palazzo Imperiale a prova di bomba.  La ricerca fu resa più difficile da un blackout in risposta ai bombardamenti alleati e dall’organizzazione e dalla disposizione arcaica del Ministero della Casa Imperiale. Molti nomi delle stanze erano irriconoscibili per i ribelli. I ribelli trovarono il ciambellano Yoshihiro Tokugawa. Nonostante Hatanaka avesse minacciato di sventrarlo con una spada da samurai, Tokugawa mentì e disse di non sapere dove fossero le registrazioni o gli uomini. Durante la ricerca, i ribelli tagliarono quasi tutti i fili del telefono, interrompendo le comunicazioni tra i prigionieri del palazzo e il mondo esterno.

Circa alla stessa ora, a Yokohama, nella prefettura di Kanagawa, un altro gruppo di ribelli di Hatanaka, guidato dal capitano Takeo Sasaki, si recò nell’ufficio del Primo Ministro Suzuki, con l’intenzione di ucciderlo. Quando lo trovarono vuoto, mitragliarono l’ufficio e diedero fuoco all’edificio, poi partirono per la sua casa a cui diedero fuoco. Il primo ministro era stato avvisato e si era rifugiato presso la polizia, salvandosi la vita.

Intorno alle 03:00, Hatanaka fu informato dal tenente colonnello Masataka Ida che le forze armate del Distretto Orientale si stava dirigendo verso il palazzo per fermarlo, e che avrebbe dovuto arrendersi. Infine, vedendo il suo piano crollare intorno a lui, Hatanaka pregò Tatsuhiko Takashima, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito del Distretto Orientale, di concedergli almeno dieci minuti di trasmissione alla radio NHK, per spiegare al popolo giapponese cosa stava cercando di realizzare e perché. Il colonnello Haga, comandante del Secondo Reggimento della Guardia Imperiale, scoprì che l’esercito non appoggiava la ribellione e ordinò ad Hatanaka di lasciare il palazzo.

Poco prima delle 05:00, mentre i suoi ribelli continuavano la loro ricerca, il maggiore Hatanaka si recò negli studi della NHK e, brandendo una pistola, cercò disperatamente di ottenere un po’ di tempo in onda per spiegare le sue azioni. Poco più di un’ora dopo, dopo aver ricevuto una telefonata dall’esercito del Distretto Orientale, Hatanaka finalmente si arrese. Radunò i suoi ufficiali e uscì dallo studio della NHK. Il colpo di stato crollò dopo che Shizuichi Tanaka convinse gli ufficiali ribelli a tornare a casa.
All’alba, Tanaka apprese che il palazzo era stato invaso. Si recò sul posto e affrontò gli ufficiali ribelli, rimproverandoli per aver agito contro lo spirito dell’esercito giapponese. Li convinse a tornare nelle loro caserme. Alle 08:00, la ribellione era stata completamente smantellata, essendo riuscita a tenere il terreno del palazzo per gran parte della notte, ma senza riuscire a trovare le registrazioni.

Hatanaka, in motocicletta, e Shiizaki, a cavallo, percorsero le strade, lanciando volantini che spiegavano le loro motivazioni e le loro azioni. Un’ora prima della trasmissione dell’imperatore, intorno alle 11:00 del 15 agosto, Hatanaka si suicidò sparandosi in fronte. Shiizaki si pugnalò e sparò. Il golpe era fallito.

Quindi il Giappone fu ad un passo dal trovarsi costretto, da un gruppo di ufficiali irriducibili, a proseguire la guerra. Cosa sarebbe successo se avessero prevalso? La terza bomba atomica era previsto colpisse Tokio, poi ci sarebbe stata una pausa e l’invasione, coordinata fra USA e URSS. Probabilmente in Giappone sarebbe finito come la Corea e la Germania, diviso in due fra zona sotto occupazione americana e sotto occupazione sovietica, Invece, con la resa, almeno ne fu salvaguardata l’unità e furono poste le premesse per il successivo sviluppo. Però questa è un’altra storia.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal