attualita' posted by

Libia: ancora bloccata la produzione petrolifera. Niente pace a Tripoli

Non c’è pace sull’altra sponda del Mediterraneo. La produzione e le esportazioni di petrolio libico sono destinate a calare di nuovo dopo il blocco di due terminali di esportazione giovedì, mentre venerdì i manifestanti hanno minacciato di chiudere un altro porto petrolifero.

Gruppi di manifestanti hanno chiuso i terminali di esportazione del petrolio di Ras Lanuf e di Es Sider giovedì, chiedendo un trasferimento di poteri dal Primo Ministro Abdul Hamid Dbeibah, che si è rifiutato di dimettersi a favore del nuovo Primo Ministro orientale Fathi Bashaga. Bashagha, sostenuto dal Parlamento, ha il sostegno della Libia orientale e del suo Parlamento con sede a est, mentre Dbeibah ha sede a Tripoli. Il Parlamento ha votato per Bashaga come primo ministro all’inizio dell’anno, ma Dbeibah si è rifiutato di dimettersi.

La spaccatura politica, anche a causa della distribuzione dei proventi del petrolio, ha già paralizzato la produzione e le esportazioni libiche nei mesi di aprile e maggio.

Il più grande giacimento petrolifero libico, Sharara, ha riavviato la produzione di petrolio questo fine settimana dopo settimane di blocco a causa delle proteste, ma è stato nuovamente chiuso solo un giorno dopo la riapertura.

I blocchi si stanno ora estendendo ai terminali di Ras Lanuf ed Es Sider, mentre un gruppo ha minacciato di chiudere il porto di Hariga venerdì, hanno riferito i tecnici alla Reuters.

Secondo gli analisti e i diplomatici che hanno parlato con Reuters, i blocchi dei porti petroliferi sono stati per lo più istigati dalle fazioni dell’est, tra cui l’uomo forte orientale Khalifa Haftar e l’Esercito nazionale libico (LNA) da lui guidato. Questo politico è molto vicino alla Russia e all’Egitto.

Secondo le stime della Reuters, la produzione petrolifera libica si era già dimezzata a circa 600.000 barili al giorno (bpd) a maggio, dopo la chiusura dei giacimenti di Sharara e El Feel, che si sono aggiunti ad altre infrastrutture petrolifere bloccate nel Paese.

La ripresa dei blocchi di massa dei porti petroliferi nel produttore OPEC “jolly”, esentato dall’accordo OPEC+, giunge in un momento di mercato globale ristretto, di divieti sul petrolio russo in Occidente e di una robusta domanda globale nella stagione estiva, nonostante i prezzi record dei carburanti. Un momento il cui queste forniture sarebbero state di comune utilità, ma sembra che non saremo in grado di sfruttarle presto.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal