attualita' posted by

L’Europa ora guida il mercato mondiale per le auto elettriche, a suon di incentivi pubblici..

 

Diversi paesi europei stanno ora sovvenzionano in modo eccezionale la vendita di veicoli  elettrici, correndo per superare le ricche nazioni asiatiche e i concorrenti nordamericani che cercano anche di fare il cambiamento.

 

Nel Regno Unito, il regolatore energetico Ofgem sta pianificando di rendere la diffusione dei veicoli elettrici più attraente per i consumatori, consentendo ai conducenti di vendere l’elettricità immagazzinata nelle batterie delle loro auto alla rete elettrica quando la domanda è ai livelli di picco. Quindi le auto diventeranno dei piccolo accumulatori diffusi di energia, ma…. chi caricherà poi le batterie, e quanti?

Ofgem è ottimista sul fatto che se un numero sufficiente di nuovi conducenti di veicoli elettrici prende parte allo schema,  cosa che permetterebbe al regno unito di evitare di costruire centrali elettriche e di accumulo….

Al momento, ci sono oltre 535.000 veicoli elettrici, inclusi ibridi, sulle strade di tutto il Regno Unito. Tuttavia, questa cifra dovrebbe salire a 14 milioni entro il 2030. Ciò sarà in gran parte in risposta al divieto pianificato della vendita di nuovi benzina e diesel veicoli nel Regno Unito dal 2030. Il nuovo schema prevede di utilizzare capacità di ricarica intelligenti per monitorare l’energia nelle batterie dei veicoli elettrici e i livelli di domanda sulla rete..

Le major petrolifere stanno già anticipando la curva dei veicoli elettrici con Shell che prevede di installare 50.000 punti di ricarica per veicoli elettrici su strada entro il 2025. Shell sta lavorando a stretto contatto con le autorità locali, offrendo di pagare i costi iniziali per l’installazione della stazione di ricarica, con l’ufficio statale per I veicoli a emissioni zero pagano il 75% del conto attraverso schemi di sovvenzione.

Nel frattempo, la Germania ha annunciato che estenderà i suoi sussidi ai veicoli elettrici esistenti fino al 2025, originariamente previsti per terminare nel 2021, con l’obiettivo di creare una maggiore diffusione dei veicoli elettrici in tutto il paese. Nel 2020, la Germania ha raddoppiato gli incentivi per i veicoli elettrici, offrendo un bonus di 3.000 euro per i veicoli completamente elettrici e 2.250 euro per gli ibridi, oltre a un’esenzione fiscale di 10 anni e aliquote IVA inferiori.  A questo ci sono poi gli incentivi offerti dai produttori.

In Germania, il più grande mercato di veicoli elettrici in Europa, nel 2019 i veicoli elettrici hanno rappresentato circa l’1,8% di tutte le nuove immatricolazioni di autovetture, una cifra che aumenta di anno in anno. Smart, Seat, Mini e BMW sono stati tra alcuni dei produttori di veicoli elettrici a guadagnare in modo significativo nel mercato tedesco, poiché abbiamo visto un aumento del 37 percento nell’assorbimento di veicoli elettrici a maggio 2021 rispetto allo stesso mese del 2020. Skoda, Kia, VW, Anche Hyundai, Opel e Toyota hanno registrato un aumento delle loro vendite di veicoli elettrici, mentre le vendite di veicoli elettrici di Honda, Jaguar, Mercedes e Mitsubishi sono diminuite rispetto al 2020.

Anche la Francia si è unita all’elenco dei paesi europei per fornire incentivi ai veicoli elettrici, offrendo ai produttori nazionali, come Renault, un pacchetto di supporto per incoraggiare una maggiore produzione di veicoli elettrici. Ricordate che Renault e Peugeot sono direttamente partecipate dallo stato francese Il governo francese offre inoltre ai consumatori esenzioni fiscali relative alla CO2, sussidi fino a 7.000 euro e un programma di rottamazione per le vecchie auto alimentate in modo tradizionale.

Allo stesso modo, la Spagna ha ridotto le tasse sui veicoli elettrici nelle principali città, offrendo anche sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici compresi tra 4.000 e 5.000 euro per la rottamazione di vecchi veicoli. E il governo italiano sta fornendo bonus per le auto a basse emissioni di carbonio, penalizzando i veicoli ad alta emissione di carbonio.

Molti governi in tutta l’Europa occidentale hanno deciso di offrire una sorta di incentivo per i consumatori di veicoli elettrici mentre spingono a decarbonizzare le loro economie e promuovono il passaggio dai veicoli alimentati tradizionalmente alle alternative elettriche. Questo, a furia di sconti, ha reso il mercato europeo il primo al mondo per i veicoli elettrici, con il 43,3%, mentre la Cina è al 40%.

L’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA) ha riferito che quasi un’auto su sei  immatricolata nell’Unione europea nel quarto trimestre del 2020 era un veicolo a carica elettrica, il 16,5%, con 1,3 milioni di unità immatricolate in Europa nel 2020.

Anche la varietà di modelli di veicoli elettrici disponibili in Europa sta crescendo in modo significativo, con i consumatori che non si limitano più solo a Tesla e ad altri costosi modelli iniziali. Il numero di modelli EV disponibili nel 2021 dovrebbe essere 214, rispetto ai soli 98 del 2019.

Quindi l’Europa si sta elettrificando, almeno nelle auto, il tutto a suon di contributi  pagati dai contribuenti, non di calo del costo dei mezzi. Poi sulla generazione dell’elettricità e sulla vera indipendenza dal carbonio, il discorso è completamente diverso.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal