attualita' posted by

La sfida di Draghi alla Germania o ridisegna la UE o ci accompagna alla porta

 

“Il primo ministro italiano Mario Draghi ha insistito sul fatto che le regole fiscali dell’area dell’euro non possono tornare a come erano prima della pandemia, lanciando il guanto di sfida alla Germania sulla futura forma del regime di bilancio europeo post-crisi. Il paese si è anche scontrato con l’UE sulla questione negli ultimi anni, spaventando i mercati” .

Queste parole non sono mie, ma sono l’estratto di un articolo di Bloomberg. Tutti comprendono che in Europa, a  partire da settembre, si giocherà una partita breve e decisiva. Il candidato della CDU CSU , Laschet, alla cancelleria si sta mostrando sempre più come un grigio burocrate. Da un lato vede solo una stretta tutela dell’industria e della grassa borghesia tedesca, da tutelare anche con le barriere all’entrata del Green Deal. Dall’altro non ha una visione politica internazionale che vada al di là della sua stretta bottega, e questo si concretizza in una politica internazionale duplice, miope e di scarsa prospettiva.

Nel quadro dei rapporti tra grandi potenze Laschet cerca di tenere i piedi in due, o meglio tre, scarpe:

  • Da un lato cerca di costruire un rapporto ottimale con gli USA di Biden, maggio mercato tedesco e protettore strategico di una Germania disarmata;
  • Dall’altro cerca di ricostruire un buon rapporto con la Russia, principale fornitore energetico. In questo è disposta a buttare sotto un Tir sia l’Ucraina sia la Polonia, le due grandi sconfitte dalla conclusione del gasdotto Nord Stream 2. In quest’ottica è da valutare la richiesta di incontro fra Merkel e l’assistente Macron con  Putin. I problemi della Crimea e della Bielorussia sono passati in cavalleria;
  • Quindi la Cina su cui hanno potentemente investito le aziende tedesche ed il cui regine si prepara ad affrontare la sfida degli Usa con Berlino impegnata a svolgere una funzione di quinta colonna dello schieramento occidentale

Anche nella UE Berlino non riesce a svolgere un vero ruolo guida proprio per la miopia delle proprie politiche. L”affermazione di Laschet di volere il ritorno dei vincoli di bilancio dal 2023 è il simbolo della totale insensibilità alla crisi politica francese ed a quella economica italiana. Non si governa solo dando schiaffi, soprattutto se la politica vuole essere di lungo periodo. Il picco inflazionistico tedesco sopra il 2% segue un 2020 potentemente deflazionistico e non è detto che il trend esogeno dei prezzi sia confermato . A fronte di paure infondate la richiesta tedesca di tornare alla rigidità di bilancio  farà saltare l’Italia che esce con un fardello del 160% del debito/ lol, inflazione bassa e crescita asfittica.

Quindi o Draghi riesce a fare rivedere i criteri di bilancio della UE nel periodo fra settembre 2021 marzo 2022, oppure la rigidità e la miopia della CDU porteranno l’Italia alla posizione della Grecia nel 2010 e la UE in una nuova crisi del debito dalla quale questa volta la moneta unica  non uscirà indenne. In questo caso Laschet si prepara ad essere il vero becchino della moneta.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal