attualita' posted by

La Scozia si è venduta il mare per l’energia eolica…. adesso non ha più nulla

Photo by Nicholas Doherty on Unsplash

 

La Scozia ha venduto all’asta parti del suo fondale marino a società di energia eolica, raccogliendo 951 milioni di dollari e spingendo l’industria delle energie rinnovabili del paese., però molti si chiedono se  vendere ai privati le proprie potenzialità energetiche e rimanere senza nulla in mano sia stata una buona mossa. 

Nell’ambito dell’asta, sono stati selezionati 17 progetti tra 74 domande per un’area di fondale marino per un totale di 7.000 km2 nell’ambito del Piano marittimo settoriale del governo scozzese. Questo segna il primo round di leasing offshore in oltre un decennio. Scottish Power Renewables ha investito 194,2 milioni di dollari in diversi siti, mentre Shell ha speso quasi 161,2 milioni di dollari in un sito da 2.000 MW. Anche BP Alternative Energy Investments e SSE Energy hanno investito, ciascuna offrendo fondi di $ 116 per costruire progetti da 2.907 e 2.610 MW. L’energia potenziale totale di queste aste equivale ad alimentare circa 23 milioni di case nel Regno Unito all’anno.

Gettando le basi affinché le aziende possano stabilire fino a 25 GW di capacità eolica offshore, la Scozia spera di espandere rapidamente il proprio settore delle energie rinnovabili. Attualmente, il Regno Unito produce circa 10 GW di eolico offshore, con l’intenzione di espandere questa cifra a 40 GW entro il 2030. I ricavi delle aste torneranno allo Scottish Consolidated Fund per finanziare il governo scozzese. Inoltre, gli aggiudicatari hanno deciso di investire circa 1,34 dollari in materiali e servizi dalla Scozia per ogni 1 GW di capacità eolica offshore, supportando le aziende locali.

Il CEO di Scottish Power, Keith Anderson, ha spiegato: “Questa è una colossale opportunità di investimento che potrebbe  essere il maggior investimento industriale nella storia della Scozia”. Ha anche evidenziato il potenziale di enormi opportunità per le università e gli innovatori tecnologici di lavorare a fianco dell’industria dell’energia eolica.

Mentre il Regno Unito si impegna a passare dai combustibili fossili alle alternative rinnovabili, puntando allo zero netto carbonico entro il 2050, questo segna un momento importante nel cambiamento. La Scozia spera di raggiungere lo zero netto in modo indipendente anche prima, entro il 2045, con l’obiettivo di ridurre le sue principali emissioni di gas serra del 75% entro il 2030.

Nonostante la risposta generalmente positiva alle aste, alcuni si chiedono se la Scozia non stia perdendo il controllo delle proprie risorse affittando i suoi fondali marini a società straniere piuttosto che fondare una compagnia nazionale di energia eolica. Common Weal, un think tank pro-indipendenza, ritiene che la Scozia stia “ripetendo l’errore” della sua storia petrolifera vendendo i diritti piuttosto che istituendo un gigante nazionale dell’energia per gestire il proprio portafoglio energetico.

Craig Dalzell di Common Weal ha dichiarato: “Se la Scozia avesse lanciato una compagnia energetica nazionale in grado di possedere ScotWind, sarebbe stata in una buona posizione per consegnare miliardi di profitti alla Scozia ogni anno che ora verranno invece spediti all’estero ad azionisti privati ​​o investiti nei servizi pubblici di quei paesi che hanno schierato le proprie compagnie nazionalizzate in Scozia”. alla fine il controllo passa alle solite multinazionali energetiche e il popolo scozzese resta come spettatore

Invece in questo modo il controllo delle risorse energetiche scozzesi viene affidato, per l’ennesima volta, ad alcune aziende straniere. Anche se ci saranno delle royalties, l’energia sarà comunque loro. Un domani il governo potrebbe pentirsene…

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal